Fondazioni e Ricerca Universitaria sull’Agroalimentare

//   30 giugno 2011   // 0 Commenti

logo ager big 300x209Tredici delle 25 Fondazioni Bancarie Italiane hanno aderito al Progetto “Ager –Agroalimentare e Ricerca” iniziato nel 2009 con una dotazione di 30 milioni di Euro, tra i quali 3 della Fondazione Cariparo. Per il 2011 l’università di Padova avrà a disposizione 2 milioni di Euro per occuparsi della ricerca scientifica in campo agroalimentare, che costituisce un elemento di rilevante importanza economica e di leadership dell’Italia, oltre a vedere sempre una maggiore richiesta di qualità e certificazione da parte dei consumatori.
Per riassumerne l’importanza va ricordato che il settore fattura 180 miliardi di Euro, il 22% dei quali esportato; rappresenta il 12% del PIL Italiano e conta su oltre 270 mila imprese che impiegano 1.650.000 persone. Anche a Padova saranno quattro i comparti oggetto della ricerca finanziata, l’ortofrutticolo in particolare le mele con attenzione alla loro conservazione per lunghi periodi dopo la raccolta, le pere ed altri prodotti pronti al consumo; il cerealicolo ossia frumento duro e riso con speciale attenzione alla crescita riducendo al massimo la loro necessità di acqua;  il vitivinicolo; lo zootecnico incentrato sulla filiera suina per renderla il più sostenibile possibile e livello ambientale.
mele 2 300x200Diversamente da altri progetti la ricerca qui attuata, non dovrà essere quella detta di base ma del tipo con forti ricadute applicative, che punti cioè a migliorare i processi produttivi, a sviluppare tecnologie applicate ed alla promozione valorizzazione delle risorse umane. Nel corso della presentazione alla sede dell’Ateneo Patavino accanto a responsabili universitari delle ricerche che hanno spiegato i temi che verranno trattati e precisato che vi saranno ben definiti sistemi di controllo e monitoraggio dei risultati raggiunti, vi era Marco Giampieretti per la Fondazione Cariparo, il quale ha ricordato come il sostegno a settori che contribuiscono all’economia del territorio di competenza delle Fondazioni rientri nel loro statuto.


Tags:

Fondazioni Bancarie Italiane

università di Padova


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *