Flycell, le suonerie a pagamento finiscono (di nuovo) nel mirino dell’Antitrust

//   6 gennaio 2012   // 0 Commenti

flycell truffa come disattivare

Flycell.it torna nel mirino dell’Antitrust. Dopo essere già stato multato di 120mila euro nel 2010 per ”pratica commerciale scorretta”, ovvero sfruttare la disattenzione dell’utente per attivargli un servizio a pagamento, il sito di suonerie per cellulari finisce nuovamente sul tavolo degli imputati. Se un anno fa Flycell, utilizzando un test di intelligenza sul web, chiedeva all’ignaro utente di inserire il proprio numero di cellulare senza avvertirlo che questa operazione comportava la sottoscrizione di un contratto di abbonamento al servizio Club Flycell, ora il sito dell’italiana Acotel pare utilizzare altre tecniche scorrette. Sono oltre 300, infatti, le segnalazioni giunte all’Adico (Associazione difesa consumatori) negli ultimi mesi. Gli utenti, per la maggior parte giovanissimi, ricevono un sms, cliccano su un link al suo interno e senza saperlo si abbonano a un servizio che costa 5, 10 o 15 euro a settimana. Il credito si prosciuga inconsapevolmente e quando l’utente se ne accorge è ormai troppo tardi. Non sono solo i giovani a finire nella rete di Flycell, come spiega  il presidente di Adico Carlo Garofolini:  ”Si potrebbe pensare che le vittime privilegiate siano i giovanissimi, che attirati dalle pubblicità su riviste, in televisione e su Facebook che sponsorizzano le suonerie con le hit del momento attivano i servizi che poi pagheranno mamma e papà. Ma non è più così: la maggioranza di chi si rivolge all’Adico con questo problema è composta da adulti che utilizzano il telefonino in modo assolutamente normale, e ai quali il servizio viene attivato senza che se ne accorgano. Oppure vengono tratti in inganno da inserzioni o pop up che compaiono durante la navigazione in Internet, o da sms dello stesso tenore, e che invitano a partecipare a fantomatici concorsi e sondaggi inserendo il proprio numero di cellulare“.
Ad aggravare il quadro sembra che oltre il danno ci sia anche la beffa: sebbene appaia facilissimo disattivare il servizio (sul sito Flycell.it si legge che è sufficiente inviare un sms al numero 48008 con il testo STOP), la realtà è ben altra. Il numero può cambiare, molti utenti non riescono a disattivare le suonerie di pagamento ed hanno letteralmente invaso forum e siti del settore con segnalazioni e domande del tipo “come faccio a disattivare Flycell?“.

I consigli di Adico

Ecco allora i consigli utili per difendersi da quella che potrebbe essere presto definita una truffa. Il primo accorgimento consiste nel rivolgersi direttamente al proprio operatore telefonico per chiedere la disattivazione del servizio. “Non sempre però l’intervento è tempestivo: molti consumatori hanno denunciato all’Associazione una sorta di inerzia da parte delle compagnie telefoniche, che fanno passare anche diversi giorni prima di dar seguito alle richieste dei loro clienti“, si legge in una nota di Adico. Più drastico ed efficace chiedere di bloccare la ricezione di qualsiasi sms a pagamento, anche se spesso gli operatori fanno orecchi da mercante, poiché ricavano essi stessi una percentuale da questi servizi. Allora cosa fare? Tenere tutta la documentazione possibile, come email scambiate con Flycell o con il proprio operatore di telefonia, e i conti telefonici per chi ha l’abbonamento, dal momento che il servizio compare, spesso, con la dicitura Sms premium Mt. In questo caso potrebbe essere possibile procedere anche legalmente: per informazioni lo studio legale dell’Adico è sempre disponibile contattando info@associazionedifesaconsumatori.it o lo 041.5349637.

fonte: http://www.associazionedifesaconsumatori.it/comunicati-stampa/liberalizzazioni/truffa-flycell-almeno-300-denunce-di-utenti-all%E2%80%99adico-in-3-mesi-%C2%ABil-fenomeno-degli-sms-indesiderati-a-pagamento-va-fermata%C2%BB/


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *