A Conselve troppe multe i cittadini si ribellano al Sindaco e pubblicano su facebook infrazioni

//   23 agosto 2011   // 0 Commenti

Infrazioni-sindaco-di-Conselve

Di certo una forma di sfogo plateale, forse non efficace al 100% ma uno spunto per situazioni anche di altra natura, per alcuni automobilisti indignati che hanno pensato bene di “pedinare” il sindaco Antonio Ruzzon, fotografarne le infrazioni al volante e pubblicarle su facebook.

Protagonisti di questa bizzarra vicenda gli abitanti di un piccolo comune in provincia di Padova Conselve. All’ennesima multa hanno dichiarato battaglia in rete attraverso il comitato “Lasciateci respirare”.

Con in mano la macchina fotografica hanno pedinato per giorni il responsabile delle loro disgrazie al volante, cogliendolo in fallo più volte. Infatti Ruzzon è stato sorpreso a parcheggiare la macchina a fianco del municipio “in evidente divieto di sosta, peraltro sistematica”, hanno accusato i suoi detrattori, o a parlare al telefono durante la guida.

“Quale esempio offre il primo cittadino, si legge nella pagina Facebook, quando è il primo a trasgredire le regole?”. La risposta del sindaco? Nessuna marcia indietro: “Tra un anno qui ci saranno le elezioni, spiega l’esponente Udc, ed evidentemente qualcuno, in particolare i grillini, si sente già in campagna elettorale e mi vuole fare la guerra”.

Forse ricorderete il caso, che abbiamo pubblicato il 13 agosto, e che aveva come protagonista una dipendente americana costretta a citare in tribunale Derek Wright dello Stato dello Utah, negli Stati Uniti. Ovvero iò suo datore di lavoro che imponeva a tutte le sue dipendenti una sorta di vademecum-sexy, per ogni giorno della settimana, da rispettare.  “I lunedì della minigonna”, “i mercoledì della maglietta bagnata”, “i venerdì del bikini”.  Chissa’… se forse la ragazza avesse adottato questo metodo, come primo avvertimento, avrebbe probabilmente  risparmiato in quei quattro anni qualche trafila economica e anche meno traumi psicologici e morali.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *