Eroico Napoli, 1-1 fuori casa contro il Manchester City

//   14 settembre 2011   // 0 Commenti

04

Esordisce con un pareggio il Napoli di Mazzarri, ma è un 1 a 1 che vale quanto una vittoria, vista la caratura di primissimo livello dell’avversario, il Manchester City di Roberto Mancini. A premiare gli azzurri un grande cuore e soprattutto tremila tifosi napoletani che hanno conquistato un intero stadio.

Il Napoli e il Manchester City seguono lo stesso copione per tutto il primo tempo. Gli inglesi attaccano e fanno possesso palla, il Napoli attende e sfrutta le ripartenze. La squadra di Mancini fa paura, soprattutto quando prende palla Silva. I partenopei però fanno buona guardia, chiudono i varchi, ma beccano tre gialli (Aronica, Maggio, Cannavaro). La difesa del City in compenso è tutt’altro che irresistibile e dopo un po’ lo capisce anche Lavezzi che impegna, grazie alla sua velocità, i lenti difensori inglesi in più occasioni.

In particolare, al 15′ De Sanctis compie un miracolo su Aguero che riceve palla in piena aera di rigore (anche se in posizione decentrata) e incrocia un destro insidioso.

Al 17′ risponde il Napoli e lo fa alla grande. Lavezzi si beve i centrali del City in velocità e dalla zolla sinistra disegna una parabola a giro degna del miglior Del Piero. Lo stadio esplode in un boato ma il pallone si stampa sulla traversa.

Al 34′ i citizens tessono la loro azione più pericolosa. Tourè parte in contropiede, fa buoni 40 metri palla al piede, scambia con Aguero e si trova a tu per tu con De Sanctis. Il giocatore ivoriano spara un bolide centrale, De Sanctis compie un mezzo miracolo anche stavolta e devia il pallone sulla traversa.

Al 39′ i giocatori di Mancini si rendono pericolosi su palla inattiva. Aguero da punizione da quaranta metri mette un pallone al centro che più che un passaggio sembra un tiro. Nessuno tocca e De Sanctis si tuffa a deviare in calcio d’angolo solo dopo che il pallone è rimbalzato davanti ai suoi occhi.

Il secondo tempo inizia così come era finito il primo: il Manchester avanti e il Napoli a difendere. E infatti al 52′ un cross dalla destra degli inglesi crea scompiglio tra Cannavaro e Aronica, i due si intralciano a vicenda e il primo si disimpegna con un quasi autogol. Sul successivo corner Lescott colpisce di testa e la palla va fuori di poco.

La musica però cambia presto e il Napoli sale in cattedra. Al 65′ i partenopei si allungano in contropiede, Hamsik riceve nell’angolo sinistra dell’area di rigore e tira ma il pallone viene deviato da un provvidenziale Zabaleta in scivolata.

Al 67′  arriva l’azione che cambia la partita. Un nuovo contropiede del Napoli vede protagonista Maggio che si invola centralmente e poi scarica per Cavani. L’uruguagio si trova a tu per tu con il portiere e insacca con un rasoterra potente, proprio sotto la curva dei tifosi napoletani. E’ il gol dell’1 a 0.

La gioia dura però solo 5 minuti. Al 72′, infatti, Kolarov tira una punizione a scavalcare la barriera che trafigge un De Sanctis senza colpe. Sembrano prefigurarsi 20 minuti di fuoco per il Napoli, anche in virtù dell’uscita per infortunio di Lavezzi. La squadra di Mazzarri però sopporta benissimo la tensione e neutralizza l’offensiva del City. Si segnala solo un tiro da fuori di Djeko, comunque pericoloso. Anzi, i partenopei si rendono pericolosissimi grazie ad uno svarione di Company che consegna il pallone a Pandev (nel frattempo subentrato a Cavani). Il macedone per un pelo non riesce a superar e il portiere in uscita disperata.

Reti: 68′ Cavani (N), 75′ Kolarov (M).

MANCHESTER CITY (4-2-3-1): Hart; Zabaleta, Kompany, Lescott, Kolarov (75′ Clichy); Barry, Yaya Touré; Nasri (75′ Johnson), Silva, Aguero; Dzeko (81′ Tevez). All.: Mancini.

NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Inler, Gargano, Zuniga; Lavezzi (58′ Dzemaili), Hamsik; Cavani. All.: Mazzarri.

ARBITRO: Jonas Eriksson (Svezia).

AMMONITI: Maggio (N), Zabaleta (M), Cannavaro (N), Aronica (N), Inler (N).


Tags:

aguero

cavani

hamsik

kolarov

lavezzi

manchester city

napoli


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *