ENPA dice no ai botti la notte di San Silvestro: ogni botto è una botta di terrore

//   17 dicembre 2019   // 0 Commenti

ogni-botto-e-una-botta

La notte di capodanno è uno dei momenti più drammatici per gli animali, spaventati a morte dai rumori e dai lampi provocati da botti e fuochi d’artificio. Negli animali si creano veri e propri stati di panico, che li inducono a scappare con successivo rischio di smarrirsi o essere investiti. Il motivo di tale panico risiede nella soglia uditiva sensibilmente più sviluppata e sensibile di quella umana: l’uomo ha una percezione uditiva compresa tra le frequenze denominate infrasuoni, intorno ai 15 hertz, e quelle denominate ultrasuoni, sopra i 15.000 hertz, mentre quella dei cani arriva a circa 60.000 hertz e quella dei gatti 70.000 hertz.

Negli animali di allevamento come mucche, cavalli e conigli, lo spavento provocato dalle esplosioni può provocare nelle femmine gravide addirittura l’aborto.

Per chi possiede un animale, la notte di San Silvestro è particolarmente delicata, non occorre dire che è inopportuno portare con sé i propri amici a quattro zampe a vedere spettacoli pirotecnici, inoltre, è bene tenere chiuse le finestre, rassicurare l’animale con carezze, lasciargli del cibo in più che lo possa distrarre dalla paura, evitare di lasciarlo in luoghi aperti e a rischio esplosione di petardi

L’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA)  ha supportato e sostenuto l’iniziativa di molti sindaci di vietare l’esplosione di botti, ricordando alle Autorità preposte che anche il Codice Penale, all’articolo 703, ammonisce chiunque senza licenza dell’Autorità “in luogo abitato (…) spara armi da fuoco, accende fuochi d’artificio o lancia razzi.” E chiede alle Forze dell’Ordine di intensificare i controlli facendo almeno rispettare le leggi in tema di uso e detenzione. Infine, come ogni anno ENPA lancia la campagna “Ogni botto è una botta di terrore” a tutela degli animali vittime delle esplosioni.

ogni botto è una botta


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *