Elena Cattaneo ai Lincei: le raccomandazioni alla politica per lo sviluppo della ricerca

//   8 marzo 2018   // 0 Commenti

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Palazzo Corsini, via della Lungara,10 Roma – 8 marzo ore 17.30

Alla integrazione tra il mondo dei ricercatori e quello dei politici, nell’obiettivo comune della crescita culturale e dello sviluppo scientifico e industriale del nostro Paese, è dedicata la conferenza che la Senatrice a vita e Accademica dei Lincei Elena Cattaneo terrà in Accademia giovedì 8 marzo.

Nella sua duplice valenza di parlamentare e di ricercatrice, Direttrice del Laboratorio di Biologia delle cellule staminali e Farmacologia delle malattie neurodegenerative, Elena Cattaneo ha negli ultimi anni lavorato con forte impegno per aumentare l’investimento italiano nella ricerca scientifica fondamentale.

La conferenza, programmata da tempo, acquista una importante valenza politica, cadendo nei giorni in cui si insediano i parlamentari appena eletti e rappresenta quindi un’occasione di riflessione preziosa per il prossimo governo del Paese.

Una strategia di lungo periodo, la trasparenza nell’assegnazione dei finanziamenti, una Agenzia nazionale per la Ricerca, una scienza al servizio della politica sono tra i principali temi che la Senatrice Cattaneo tratterà nella conferenza, che richiama le raccomandazioni contenute nel documento della Commissione Lincea per la Ricerca.

 

Di seguito i punti che la Prof.ssa Cattaneo ha annunciato di voler trattare nella conferenza:

 

  • L’atteggiamento della politica nei riguardi della ricerca scientifica deve assecondare e incoraggiare gli scienziati nello sforzo teso a informare correttamente la pubblica opinione.
  • La necessità, oggi, per il mondo della politica di applicare ai processi legislativi il metodo scientifico, basandosi esclusivamente su fatti verificati e rilevanti.
  • La scienza al servizio del processo legislativo per fornire analisi che aiutino a prendere le decisioni più fruttuose per il sistema-Paese.
  • L’etica delle risorse: i cittadini, committenti della ricerca pubblica, hanno il diritto a vedere assegnare i fondi con procedure trasparenti, competitive, aperte, studiate per minimizzare e possibilmente eliminare l’impatto di eventuali conflitti di interesse sulla valutazione.
  • La necessità di una strategia politica di medio-lungo termine per la ricerca pubblica, in assenza della quale si lascia campo libero da un lato alle pseudoscienze, dall’altro a pratiche episodiche e poco chiare.
  • L’auspicio che venga istituita, com’è avvenuto in pressoché tutti gli altri Paesi europei e come lo stesso Bignami auspicava, un’Agenzia nazionale per la Ricerca con responsabilità diretta nell’assegnazioni dei fondi.
  • Il consolidamento del principio per cui l’assegnazione di fondi pubblici deve seguire le indicazioni di una procedura di selezione accessibile, libera, competitiva, trasparente.

 

La conferenza è dedicata all’entusiasmo, alla capacità di divulgazione, all’inesausta passione civile dell’astrofisico Giovanni Fabrizio Bignami, Socio linceo, scomparso improvvisamente il 24 maggio 2017.

 

L’incontro ai Lincei con la Prof.ssa Cattaneo fa parte del ciclo di conferenze “Una finestra sul futuro aperta dall’Accademia dei Lincei”, nel quale cinque insigni donne, di cui quattro scienziate (Fabiola Gianotti, Emmanuelle Charpentier, Elena Cattaneo, Bina Agarwal) ed una impegnata politicamente per la pace (Berit Reiss Andersen) trattano di grandi temi del nostro tempo. Introducendo questa iniziativa il Presidente Alberto Quadrio Curzio ha spiegato che “la più antica accademia scientifica del mondo, fondata nel 1603, guarda al futuro dell’Umanità dove il contributo delle donne diverrà sempre più importante superando ostacoli e vincoli che hanno penalizzato scienza, sviluppo e pace. Cinque grandi donne sono interpreti e testimoni delle attualità e potenzialità dei progressi scientifici e dei loro risvolti politici, sociali ed economici”.

 

 

Breve biografia della Prof.ssa Cattaneo: Socia dell’Accademia dei Lincei dal 2013, Elena Cattaneo ottiene la Laurea in Farmacia nel 1986 e il Dottorato in Biotecnologie presso l’Università degli Studi di Milano. Ha lavorato per tre anni presso il Department of Brain and Cognitive Science, M.I.T. (Cambridge, USA). Dal 2003 è Professore Ordinario di Farmacologia all’Università degli Studi di Milano. Attualmente dirige il “Laboratorio di Biologia delle Cellule Staminali e Farmacologia delle Malattie Neurodegenerative” del Dipartimento di Bioscienze (www.cattaneolab.it) ed è co-fondatore e direttore di UniStem presso l’Università di Milano (www.unistem.it). Il laboratorio studia la Corea di Huntington, una malattia genetica e neurodegenerativa, con l’obiettivo di contribuire a comprenderne la fisiopatologia e proporre strategie che ne rallentino il decorso o ne blocchino l’insorgenza. Il 30 agosto 2013 è stata nominata Senatore a vita.

lincei 150x150


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *