Ecosistema in crisi: WWF lancia l’allarme per l’estinzione delle tigri

//   24 luglio 2017   // 0 Commenti

estinzione-tigri

Il WWF con il contributo della Società Italiana di Ecologia ha diffuso i risultati di un rapporto sulla biodiversità che mette in evidenza una situazione abbastanza preoccupante. Sebbene ogni giorno vengano scoperte 49 specie animali e vegetali, il che vuol dire che ogni anno arriviamo a conoscere 18mila nuovi tipi di animali e piante, da un altro lato l’uomo è responsabile dell’estinzione non di altrettante specie ma quasi.

L’estinzione di animali e piante è dovuta in parte a fattori naturali, ma anche alle attività dell’uomo che sconvolgono l’ecosistema: dal rapporto del WWF si riscontra che il tasso di estinzione dovuto alle attività umane è di 1000 volte superiore rispetto a quello naturale.

E i dati sono ancora più allarmanti: le specie a rischio estinzione sono 21.286 su 71.576 conosciute; in Italia il 31% dei vertebrati è a rischio in questo momento.

Nella ‘sesta estinzione di massa’ segnalata dagli scienziati c’è anche la tigre: meno di 4.000 esemplari sono rimasti in tutto il pianeta. Il 97% della specie è scomparsa in un solo secolo: deforestazione e bracconaggio l’hanno ridotta  al lumicino. A una settimana dalla Giornata Mondiale della Tigre, che si celebrerà il 29 luglio in tutto il mondo, il WWF negli ultimi giorni ha lanciato una Maratona sul web e sui suoi canali social  wwf.it/tigermarathon per informare e raccogliere i fondi necessari a sostenere le attività dei ranger sul campo soprattutto nei paesi dove la minaccia per la tigre resta altissima, tra cui Cina, Buthan Bangladesh. Negli ultimi dieci anni la tigre si è drammaticamente estinta in paesi chiave come Laos, Vietnam e Cambogia.

Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia e curatore del rapporto sulla biodiversità ha riscontrato le principali colpe nei modelli di sviluppo adottati dall’uomo che hanno interferito tragicamente con l’ecosistema. “Mettere in conto la natura è la nostra vera legge di stabilità – afferma – chiediamo alle istituzioni di porre al centro delle loro politiche il capitale naturale. Ai cittadini chiediamo di sostenere il nostro impegno perché questo stesso capitale sia al sicuro e vitale, a beneficio del nostro futuro sul pianeta”.

estinzione tigri


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *