Economia virtuale: E’ nata Sardex la moneta a km zero

//   19 gennaio 2012   // 2 Commenti

moneta a km zero1

In Italia esperimenti di questo tipo sono stati avviati in Abruzzo e in Calabria, mentre in Sicilia sta partendo un network uguale a Sardex chiamato Sicanex. L’iniziativa fa parte del fenomeno delle “alternative currencies”, le monete complementari già testate in Belgio e in Inghilterra.

Come funziona.

“È un fido bancario, ma senza interessi” spiegano a Repubblica i suoi fondatori,  che funziona “come una camera di compensazione di crediti e debiti”. In pratica ad ogni azienda che entra nel circuito vengono assegnati dei Sardex, il cui valore corrisponde a un euro. L’importo individua una quantità di beni e servizi che il titolare potrà spendere e acquistare nel network. Entro un anno la posizione dell’azienda va pareggiata e, in caso di difficoltà, le altre aziende della rete si muovono per aiutarla.

Una finanza etica e solidale che non mira a fare soldi con i soldi e che, spiega ancora il presidente di Sardex, Gabriele Littera, non si basa su un algoritmo, ma sulle relazioni. ” I nostri broker cercano di far combinare affari aiutando chi è più debole. La tecnologia è un ausilio”.

Dal 2009 ad oggi la rete di Sardex è cresciuta esponenzialmente arrivando a contare 420 aziende e portando vantaggi prima di tutto al territorio visto che sono i prodotti locali ad essere valorizzati. Prossimo passo è trasformare Sardex da moneta per aziende (com’è ora) a moneta per consumatori.


Articoli simili:

2 COMMENTS

  1. By BexB.it, 24 marzo 2017

    In Italia la Moneta Complementare è nata nel 2001 all’interno del network BexB (Business Exchange Business) che oggi conta oltre 2200 imprese associate di tutta Italia attive in 160 settori merceologici.

    >> http://www.bexb.it

    Rispondi
  2. Pingback: La creatività giovanile « Agersocialslow Blog

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *