E78 Fano-Grosseto, l’eterna incompiuta

//   26 marzo 2012   // 0 Commenti

e78 fano grosseto 300x224Da galleria a segheria abusiva. E’ l’incredibile storia della superstrada E78 Fano-Grosseto raccontata da Quattroruote. Una galleria mai terminata che entra di diritto nel capitolo “sprechi all’italiana“:  un tratto di strada su cui in passato si sono investiti 230 – 240 miliardi di lire, oggi completamente inutilizzabile perché non raccordabile con il tracciato presente, deteriorato dai tanti anni di abbandono e oltretutto non più a norma dopo la tragedia del Monte Bianco che rende inutilizzabili tunnel così lunghi (quasi 6 chilometri) a canna unica. Al posto della superstrada incompiuta, una segheria completa tanto quanto clandestina: cataste di legna, un’enorme sega circolare, un rimorchio di un piccolo trattore e un nastro trasportatore per caricare i ciocchi tagliati. Incredibile dictu. Indignato anche Matteo Ricci, presidente della provincia di Pesaro Urbino che ha accompagnato Quattroruote all’interno della galleria. “Un Paese civile dovrebbe finire le opere in corso, prima di iniziarne di nuove” afferma Ricci, che insieme ai presidenti delle province di Arezzo e Perugia già nel 2010 aveva protestato occupando la galleria e ottenendo l’attenzione dell’allora ministro Matteoli.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *