Dopo le liberalizzazioni, l’articolo 18

//   24 gennaio 2012   // 0 Commenti

articolo18 300x180Terminato il capitolo liberalizzazioni ora le parti sociali affrontano l’Art 18. Vedo con “simpatia” questo Governo, che sa’ da una parte tenere a bada la “casta” e dall’altra gli italiani. C’e’ da imparare su come gestire ad arte il Comando! I mass-media che si riempiono la bocca di stupidaggini e al contempo con servilismo esaltano l’illuminato fare d’un Governo che marcia a dritto per strade oscure. Che macchina perfetta fatta di punti chiave perfettamente allineati e solidali! Le parole servono a poco! Come ripeto il presunto Golpe Borghese mi fa sorridere tanto era candido nei metodi rispetto a chi esalta l’evasione e non tocca volutamente gli sprechi, chiama liberalizzazione quello che dovrebbe chiamare “distruzione”, elude la normativa operativa della Corte dei Conti per non toccare gli interessi della corruzione. Un tempo dei galantuomi fra loro dissero ad alta voce riferendosi a me: “non possiamo fargli un processo politico!” Di seguito uno di loro disse che avevo capito male… Poi si mente a questo ragionare e cercai di capire il senso di quelle oscure parole… Senza capirci un c…! Cosi’ mi pare questo Governo col Suo fare avallato da un parlamento assoggettato, che dice di essere in linea con l’Europa nel mentre con le Farmacie e i taxi e’ in linea con altri oscuri interessi etc. Il Governo, questo Governo e’ la massima espressione dello Stato di Diritto? Ammesso che lo sia, nulla in contrario che i cittadini siano altrettanto espressione dello Stato di Diritto. Fini eletto nel PdL e divenuto col PDL presidente della Camera, mi pare che sia una nota stonata e quindi sarebbe il caso di tornare alle urne, ma non se ne parla! E allora? Sperare che Berlusconi intervenga e’ da escludere. Che cosa aspettarsi? Lo diro’ in termini poetici alla maniera di E.A.POE: Una Killer professionista micidiale pagata e comandata per uccidere che non esegue gli ordini! E che con questo suo fare sovverte miracolosamente i giochi in corso!


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *