Dolore alle ginocchia: come combatterlo

//   15 gennaio 2018   // 0 Commenti

articolazioni

Può capitare spesso di soffrire della sindrome della bandelletta ileotibiale. Si tratta di una definizione scientifica del più comunemente noto “ginocchio del corridore“.
E’ una particolare patologia che colpisce principalmente chi pratica lo sport della corsa ed è un processo infiammatorio della zona ileotibiale ovvero il tratto della fascia femorale, la cosiddetta fascia lata. Parlando chiaro, la parte laterale del ginocchio.

Esistono diversi tipi di cause relative a questa sindrome. In generale, però, viene considerata una sindrome da sovraccarico ed è esattamente per questo motivo che ne soffrono principalmente i podisti che percorrono molti chilometri ogni settimana in allenamento. Esistono comunque altri fattori scatenanti di questa patologia, in particolare di natura anatomica come, ad esempio, il varismo del ginocchio e della tibia, la prominenza dell’epicondilo femorale e la dismetria degli arti inferiori.
A queste cause naturali essere aggiunti anche alcuni fattori esterni come la corsa su un fondo irregolare, in particolare quella sul terreno sterrato, l’eccessivo chilometraggio percorso in base alla propria preparazione atletica ed anche un aumento sproporzionato di allenamenti finalizzati al miglioramento della forza esplosiva.

Appena si avvertono i primi sintomi di dolore, l’atleta dovrebbe interrompere l’attività sportiva per qualche giorno magari applicando una fascia magnetica per le ginocchia. Si tratta di un particolare prodotto che funziona basandosi principalmente sul funzionamento delle onde magnetiche terapeutiche.
All’apparenza potrebbe trattarsi di una semplice fascia che immobilizza il ginocchio ma, in realtà si tratta di un prodotto sviluppato da alcuni scienziati impegnati nello studio del sistema osteoarticolare in grado di attenuare il dolore ed, allo stesso tempo, capace di favorire la guarigione dell’articolazione in questione.
Infatti, il suo scopo principale è quello di rigenerare le articolazioni ed i muscoli, migliorare l’agilità dell’articolazione ed, ovviamente, alleviare il dolore.

Questa fascia può essere usata anche per combattere altri tipi di problemi delle ginocchia, dalle tensioni delle articolazioni ai danni al menisco ed è realizzata in materiale sufficientemente morbido ed elastico. E’ proprio per questo motivo che non limita in alcun modo i movimenti e la pelle della gamba riesce tranquillamente a respirare. Inoltre, non è necessario preoccuparsi di eventuali effetti collaterali.
Basterà, semplicemente, fissare le fasce elastiche con le chiusure in velcro sul ginocchio al quale si fisserà in maniera perfetta. Inoltre, è possibile usarla non solo durante il giorno, ma anche la notte.
La fissazione della fascia sul ginocchio richiede pochissimo tempo, pochi secondi, ma i primi effetti potrebbero essere notati già dopo un solo uso.

Molto utile per contrastare questo tipo di patologia, resta comunque un’importante prevenzione praticando particolari esercizi di stretching dei glutei e del muscolo della fascia lata. Inoltre, è fondamentale un rinforzo della muscolatura del ginocchio. In particolare dovranno essere ben sviluppati i muscoli vastomediale e medio gluteo.
Ultima cosa, ma non meno rilevante, potrebbe assumere un ruolo decisivo la scelta di sottoporsi ad un esame baropotometrico. Questo è in grado di valutare l’appoggio plantare e potrebbe essere decisivo nella scelta di una calzatura corretta che potrebbe comportare meno traumi all’articolazione al momento della corsa.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *