Disabili, offerte di lavoro in aziende private e pubbliche amministrazioni

//   7 marzo 2012   // 0 Commenti

lavoratori disabili 300x192Bologna – Sarà aperto dal 19 al 30 marzo 2012 il nuovo bando a “Chiamata con Avviso pubblico” per i lavoratori disabili iscritti negli elenchi previsti dalla legge 68/1999 (secondo quanto previsto dall’art 9).

Gli interessati, previo accertamento dei requisiti necessari all’accesso, potranno ufficializzare la propria disponibilità mediante la compilazione di un modulo reperibile presso i Centri per l’impiego (CIP), lo Sportello Disabili o sul Portale Lavoro del sito internet della Provincia.
E’ possibile aderire fino a tre offerte di lavoro tra tutte quelle pubblicate da aziende private e pubbliche amministrazioni obbligate alle assunzioni di lavoratori disabili e appartenenti alle categorie protette (secondo l’art.18 della citata legge), senza alcun limite territoriale riguardo al Cip nel quale si è iscritti.

Attraverso il bando, il Servizio politiche attive del lavoro e formazione della Provincia di Bologna prosegue il proprio impegno nel percorso di coinvolgimento delle persone portatrici di disabilità e di quanti rientrano nelle categorie protette nel mondo delle aziende private e nelle pubbliche amministrazioni.

L’assessore al Lavoro della Provincia Giuseppe De Biasi sottolinea come “si tratta di continuare a riconoscere, e soprattutto ad incentivare, l’inserimento dei disabili e delle utenze svantaggiate all’interno delle aziende.
Per costruire e approfondire un fruttuoso quanto necessario rapporto di collaborazione, è auspicabile venga progressivamente meno la reticenza o la scarsa motivazione ad accettare e coinvolgere le persone disabili e, al contrario, si affermi la consapevolezza che, nell’attuale delicato momento di crisi generale per il mondo del lavoro, il loro contributo va valorizzato come risorsa. In caso contrario, ponendolo in secondo piano, si aggraverebbe una situazione di disagio, andando ad accentuare quella disuguaglianza sociale che il sostegno attivo delle istituzioni locali cerca in tutti i modi di contrastare”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *