Eni: tangenti Saipem, assolti Scaroni e Vella

//   20 settembre 2018   // 0 Commenti

scaroni

Per le tangenti in Algeria, l’ex numero uno del gruppo Eni Paolo Scaroni e il suo vice, Antonio Vella, sono stati assolti dal Tribunale di Milano. Condanne, invece, per sei ex manager della Saipem. «Sono felice della decisione del Tribunale – ha commentato Scaroni -. Devo dire che sono sempre stato sereno e ho sempre avuto fiducia nel lavoro dei giudici. Del resto questa sentenza si pone in continuità con quella di non luogo a procedere del gup che già mi aveva assolto sulla stessa vicenda».

Secondo le indagini della procura milanese, per aggiudicarsi appalti per lo sfruttamento di giacimenti in Algeria, Saipem avrebbe versato 193 milioni di euro a intermediari del governo nord africano. Nell’impostazione dell’accusa, Eni attraverso Scaroni, avrebbe avallato l’operazione, con un incontro in un albergo di Parigi, con l’ex ministro dell’energia algerino. Una ricostruzione che la Corte, presieduta da Giulia Turri , non ha ritenuto risciscontrata, limitando le responsabilità ai manager Saipem e non all’Eni.

Sulle colonne di mondolibero scrivemmo diversi articoli nei quali sottolineavamo l’estraneità dell’allora Amministratore Delegato dell’ Eni Paolo Scaroni e di altri manager della compagnia petrolifera, fra i quali l’attuale AD Claudio Descalzi, all’accusa della ingente tangente pagata ad intermediari algerini per la commessa acquisita. Non erano opinioni campate in aria e ora tardivamente ma finalmente è stata fatta giustizia, restano gli anni di fango gettati addosso a Scaroni e colleghi, alla nostra compagnia l’Eni in gara sui territori internazionali  e certamente penalizzata dall’ombra di accuse infondate. Ricordiamo la votazione del consiglio di amministrazione sull’onorabilità di Scaroni e di quante pagine sono state scritte su Claudio Descalzi  nelle quali “gridava” se era il caso di continuare a tenere un AD che aveva un così pesante fardello d’accusa da portare. Malgrado tutto questo l’ Eni ha mietuto e sta mietendo  successi in tutti i paesi dove si cimenta contro i colossi mondiali dell’energia, distribuisce dividendi allo Stato italiano e ci rende orgogliosi per le sue affermazioni di capacità, strategia e professionalità di migliaia di dipendenti.

scaroni1 150x150


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *