Destra italiana e destra francese

//   20 marzo 2012   // 0 Commenti

marine le pen

Se la destra italiana si trova in un periodo di forte crisi per via della mancanza di un ampio sostegno da parte dei giovani sempre più delusi dall’attuale politica, in Francia la destra gode di amplissimi appoggi da parte della gioventù. Un recente sondaggio di Anacej e di Ifop vede la candidata del Fronte Nazionale seconda nelle preferenze da parte degli elettori tra i 18 e i 22 anni. Primo è risultato il candidato socialista François Hollande, che ha ottenuto un 31%, mentre Nicolas Sarkozy è arrivato terzo al 21%.
Il principale rappresentante di Anacej, Michael Garnier-LaValley, ha sostenuto che “i giovani che sono intenzionati a dare un voto di protesta, si incarnano nel discorso di contestazione di Marine Le Pen”.
Ma da chi è composto quel 23% di voti a favore della candidata del Fronte Nazionale? Solitamente dai figli di coloro che hanno votato Nicolas Sarkozy nel 2007; hanno visto la delusione negli occhi dei loro genitori e per questo votano FN.
Ci troviamo, quindi, di fronte a storie quali quelle di Charlotte che ha ventiquattro anni e si trova di fronte al suo primo impegno politico. Ha scelto il Fronte Nazionale ed è fiera della sua decisione; ha appoggiato la sua scelta pure la madre che ha sempre votato a Sinistra. I motivi che la hanno portata a una simile scelta è dovuta sostanzialmente al programma economico, questo vede l’uscita dall’euro come unica soluzione al problema della globalizzazione e della crisi. Nel 2007 aveva votato il candidato di centro, Francois Bayrou, ma allora il leader del Front National si chiamava Jean Marie Le Pen ed era tutta un’altra cosa, come lei stessa afferma:” La sua immagine (di Jean Marie Le Pen) mi disturbava ed il suo programma economico era poco convincente, l’arrivo di sua figlia alla testa del partito mi ha permesso di ascoltare le idee del FN”. Charlotte racconta anche che:” Gli attivisti del Fronte Nazionale sono spesso descritti come neo-nazisti o persone poco intelligenti. Ho incontrato,invece, persone simpatiche e di mentalità aperta”.
Intanto Marine Le Pen a Marsiglia così immagina i suoi primi giorni da Presidente: “Appena eletta alla Presidenza della Repubblica, mi impegnerò, sotto l’egida di un nuovo ‘Ministero delle sovranità’, in una vasta rinegoziazione dei trattati europei. Un’operazione che porterò avanti con le nazioni amiche, con le nazioni europee che vedono crescere, come qui in Francia, il desiderio democratico di costruire, finalmente, l’Europa dei popoli”.
La Destra in Francia c’è e i suoi valori stanno sempre di più affascinando i giovani.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *