La proposta di Nun Te Regghe Più arriva sul tavolo di Fini

//   30 marzo 2012   // 0 Commenti

fini nun te regghe piu

Grandissimo passo in avanti nella battaglia di Nun Te Regghe Più, movimento popolare che ha già raccolto più di 50mila firme per la riduzione degli stipendi dei parlamentari fino al raggiungimento degli standard europei, di cui abbiamo già parlato sulle pagine di questo quotidiano(http://www.mondoliberonline.it/nun-te-regghe-piu-legge-popolare-riduzione-costi-politica/20030/).
Una delegazione del movimento è stata infatti ricevuta a Montecitorio dal Presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, che a sorpresa ha accettato l’invito di Nun Te Regghe più. Un evento storico, come sottolinea Michela Zipponi, responsabile dell’ufficio stampa del NTR, perché “Fini non riceve tutti” e perché per la prima volta un movimento apartitico è stato invitato negli uffici del Presidente della Camera, dandogli l’opportunità di mettersi a confronto in modo democratico e costruttivo. “Abbiamo espresso in toto il malessere degli Italiani - racconta Michela – e abbiamo sottolineato che i politici in questo momento di crisi, in quanto rappresentanti del popolo, devono interessarsi di più ai problemi quotidiani e concreti di ognuno di noi. Il cittadino potrà sentirsi dire mille volte che vengono ritoccati i costi della politica, ma se non vede un cambiamento nella propria vita, se non vede aumentare la sua busta paga, se non vede diminuire le tasse e se non vede non portarsi via il lavoro… non potrà mai credere a ciò che gli viene raccontato“. Parole sante che incarnano gli ideali del movimento e di migliaia (milioni?) di semplici cittadini. “Se eravamo lì è anche perchè un minimo di fiducia in qualcuno lo abbiamo e a Fini abbiamo consegnato idealmente la nostra – prosegue – Abbiamo voluto “protestare” con gli strumenti legali della democrazia, parlando la sua lingua, guardandolo negli occhi“.
Una grande vittoria che rappresenta però soltanto il trampolino di lancio, uno stimolo in più per ottenere un reale cambiamento: “Come da suggerimento del Presidente della Camera ora scriveremo a tutti i capigruppo chiedendogli di prendere in esame la nostra proposta“. Impresa difficile, ma non impossibile, per un movimento coraggioso, democratico e dalle idee chiarissime come NTR.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *