Cristina Barile alla guida dell’OBTA

//   12 dicembre 2011   // 0 Commenti

image005Cambio al vertice dell’Organismo Bilaterale Termo-Alberghiero costituito nel 2000 ai sensi dell’articolo 46 del contratto integrativo territoriale, secondo quanto previsto dal Contratto Nazionale del Lavoro, con lo scopo di promuovere iniziative di tipo assistenziale, previdenziale, formativo e di sviluppare iniziative idonee ad incrementare i livelli occupazionali.
In data 17 settembre 2011 si è tenuta l’assemblea che ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Ente Bilaterale composto da Cristina Borile, Ludovico Carraro e Marco Poletto per quanto riguarda gli albergatori e Marco Bodon (CISL), Roberta Pistorello (CGIL) e Ivana Veronese (UIL) per quel che concerne le Organizzazioni Sindacali.
Il giorno 15 ottobre il CDA ha quindi nominato alla Presidenza per i prossimi tre anni Cristina Borile di GB Hotels, che succederà a Renata Mazzacco della CISL. La vicepresidenza, invece, è stata assegnata a Roberta Pistorello della CGIL.

Per il settore termo alberghiero sono inoltre stati nominati quali membri dell’Assemblea Cristina Bernardi, Maria Rosa Bernardi e Gianluca Maregotto, affiancati per la parte sindacale da Fernanda Bernaldo della UIL, Cecilia De Panz della CGIL e Francesca Pizzo della CISL.

Negli ultimi anni l’OBTA ha assunto un’importanza fondamentale per quanto riguarda il sostegno al reddito dei dipendenti del Bacino Termale Euganeo durante il periodo di sospensione e di chiusura degli alberghi.

“Sono lieta di questo incarico – dichiara la neo presidente Cristina Borile – Mi aspetta un impegno molto importante nella gestione di un ente che è strategico per il territorio, soprattutto in momenti di grande difficoltà occupazionale ed in termini di ammortizzatori sociali.

Avendo come imprenditrice più di 500 collaboratori, sono molto sensibile alle tematiche di sviluppo delle politiche attive del lavoro che ritengo debbano divenire il vero punto di incontro tra i datori di lavoro e le organizzazioni sindacali.”


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *