Controtendenza industria: cala il fatturato, aumentano gli ordini

//   25 luglio 2011   // 0 Commenti

L’Istituto Nazionale di Statistica diffonde i dati relativi agli ultimi tre mesi di mercato finanziario, e salta subito all’occhio la tendenza opposta creatasi tra fatturato e ordini: se il primo subisce un calo del 1,7%, gli ordinativi invece crescono del 6,1% rispetto al trimestre precedente (dicembre-febbraio). Secondo il Centro di Studi di Confindustria (CsC), questa crescita a due velocità sarà quasi nulla nel terzo trimestre. Il CsC spiega che in particolare si profilano “debolezza della domanda interna, minor forza di quella estera, ripercussioni dalle violente turbolenze finanziarie globali e stretta sui conti pubblici”. Per l’Italia, quindi, “gli indicatori puntano a una nuova e prolungata fase di variazioni del Pil che saranno molto difficilmente superiori all’1% annuo”.

A maggio le esportazioni italiane sono complessivamente rimaste ferme e il CsC annuncia che “Le prospettive sono negative per i prossimi mesi. Il saldo dei giudizi delle imprese manifatturiere italiane sugli ordini dall’estero è in netta flessione”.

Anche la condizione del mercato del lavoro non è tra le più confortanti: per Confindustria, “A maggio il tasso di disoccupazione è salito all’8,1% (+0,1 su aprile) e al 28,9% (+0,4) tra i giovani sotto i 25 anni” e anche le richieste di autorizzazione per l’ammortizzatore CIG (Cassa Integrazione Guadagno) a giugno sono in costante calo rispetto ai mesi precedenti. “Le condizioni per gli investimenti, valutate dagli imprenditori - continua Confindustria – sono peggiorate nel secondo trimestre: il saldo dei giudizi è sceso a -11,3 a fine giugno dal -9,0 di fine marzo. Appaiono meno favorevoli anche le valutazioni delle imprese sulle condizioni economiche generali nei mesi estivi. Perciò diventano più incerti i piani di acquisto di macchinari e attrezzature. I consumi risentono delle difficoltà occupazionali e della dinamica dei prezzi al consumo: vendite al dettaglio e immatricolazioni di auto hanno un profilo piatto”.confindustria 258


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *