I Maestri Sarti di tutto il mondo in congresso a Roma

//   10 agosto 2011   // 0 Commenti

sartiroma 300x136Roma, 9 agosto 2011. – Si conclude questa sera, con la sfilata internazionale, in Piazza del Campidoglio a Roma, il 34mo Congresso Mondiale dei Maestri Sarti.
Un’edizione quella del 2011 che ha visto intervenire diciotto delegazioni internazionali e che ha anche dato il benvenuto nella Federazione Mondiale a nuovi Paesi tra i quali Ecuador e Principato di Monaco, e che sta riscontrando grande soddisfazione da parte dei dirigenti del Comitato Promotore composto dalla Federazione Mondiale dei Maestri Sarti, da CNA Federmoda e dall’Accademia Nazionale dei Sartori.
Un’occasione unica quindi per questi maestri sarti per un confronto dal punto di vista tecnico, ma anche per conoscere l’evoluzione del mercato del “su misura” nei vari angoli del globo.

“Il prodotto che questi maestri artigiani propongono è un prodotto che incontra i favori di un consumatore attento, che vuole uscire dalla massificazione, ma è soprattutto un prodotto che pone al centro il valore intrinseco – dichiara Antonio Franceschini, Responsabile Nazionale CNA Federmoda, presente ai lavori del congresso in svolgimento presso l’hotel Sheraton Golf Parco dei Medici di Roma – e di questi tempi dovremmo tutti considerare maggiormente questo aspetto. Si parla di sostenibilità, ma sostenibilità significa rifiuto dello spreco, valorizzare gli aspetti reali e concreti. In un abito sartoriale questi aspetti ci sono. Inoltre questo settore può anche rappresentare un’opportunità per i giovani in termini occupazionali. C’è stato nel passato un allontanamento dagli aspetti manuali, manifatturieri, della moda, oggi molti giovani stanno rivalutando questi aspetti e sempre più chiedono una formazione che dia loro i primi rudimenti di taglio e cucito. CNA Federmoda è impegnata fortemente su questo fronte al fine di sostenere il ricambio generazionale e il perpetuarsi dei valori fondanti del made in Italy”.

Stasera in Campidoglio il gran finale con una passerella di centosessanta creazioni a rappresentare la sartoria mondiale ed un particolare omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia sarà dato una collezione di 22 capi appositamente realizzata.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *