Confindustria SI, Banca Digitale partner fondamentale per la crescita

//   28 marzo 2012   // 0 Commenti

ennio lucarelli1 300x199Roma, 28 marzo – “Nella nuova società della conoscenza, che fonda il proprio sviluppo su sapere, ricerca e innovazione, la banca digitale può fare molto per migliorare le possibilità di crescita del Paese”. È quanto dichiara il presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (Si), Ennio Lucarelli intervenendo al Forum Abi Lab 2012, in programma oggi e domani a Milano.
“Le banche – continua  il numero uno di Confindustria Si – già dagli anni ’60, sono state all’avanguardia nell’innovazione digitale: in Italia sono state le prime ad attivare la rivoluzione informatica, in tandem con le grandi compagnie aeree, petrolifere, seguite dalle principali industrie del Paese; hanno innovato governance, servizi interni, di sportello e nell’era internet sono state le prime a portare i propri servizi sui pc di imprese e famiglie. Oggi si aggiunge un’altro grande servizio che le banche possono offrire ai loro clienti: un consistente aiuto per il  recupero della competitività delle imprese italiane. È su questo obiettivo che potrebbe fondarsi la nostra alleanza”.
La principale missione di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici va esattamente in questa direzione: rendere più efficienti e competitivi i servizi e in questo la Federazione di Confindustria è impegnata nel sostegno soprattutto delle pmi innovative. “Le banche con le loro reti di rapporti capillari sui territori possono offrire un contributo molto importante al raggiungimento di tale obiettivo”, precisa Lucarelli. “D’altronde possono accrescere la propria qualità di partner delle imprese, mettendo a punto percorsi più facili sia per offrire le garanzie necessarie per l’accesso ai bandi d’innovazione, che per finanziare i processi di riorganizzazione di nuovi modelli di business. E qualora utile, conclude il presidente, anche stabilendo intese strutturate con le associazioni di servizi innovativi per attenuare le difficoltà”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *