Confindustria Padova e Vicenza, alleanza su internalizzazione e ambiente

//   2 febbraio 2012   // 0 Commenti

Massimo Pavin presidente Confindustria Padova 300x200Vicenza e Padova proseguono sul tracciato delle collaborazioni e della condivisione delle risorse. Dopo la firma, a dicembre, del contratto di rete “Rete Formazione”, è arrivata anche l’intesa nei settori del commercio estero e dell’internazionalizzazione e dell’ambiente. Siglato dal presidente di Confindustria Vicenza Roberto Zuccato e dal presidente di Confindustria Padova Massimo Pavin, l’accordo quadro ha l’obiettivo di potenziare e integrare i servizi erogati dalle due territoriali ad un bacino di 4.200 imprese associate con oltre 167mila addetti.
La decisione delle due associazioni provinciali si inserisce nel solco già tracciato in questi ultimi anni all’interno di Confindustria, sia a livello nazionale che nelle realtà territoriali. L’indirizzo è quello di puntare a costruire reti e relazioni, che portino a razionalizzare i costi e ad ottenere economie di scala.
Ed è significativo che uno degli ambiti coinvolti dall’alleanza Vicenza-Padova sia quello dell’internazionalizzazione, settore chiave per lo sviluppo dell’economia veneta e italiana, in un territorio in cui le esportazioni superano i 20 miliardi di euro all’anno e rappresentano il 44,3% del totale regionale. L’obiettivo è accrescere la capacità di fare squadra e avviare aggregazioni, fattori decisivi per il presidio di nuovi mercati.
Altrettanto strategica è l’integrazione nell’area relativa alle tematiche ambientali che, per la complessità delle normative, dalla riduzione delle emissioni ai rifiuti, dalla VIA al rumore, richiedono un supporto sempre più qualificato alle imprese, soprattutto in territori, come Padova e Vicenza, a forte vocazione manifatturiera. Un sostegno articolato in azioni di rappresentanza e confronto con gli attori istituzionali, e accompagnamento alle imprese in termini di informazione e consulenza.
Internazionalizzazione e ambiente, dopo la formazione, sono gli ambiti dai quali è iniziato il percorso di collaborazione. Una collaborazione destinata ad allargarsi anche ad altri settori e associazioni territoriali. L’intesa prevede la costituzione di due tavoli comuni di concertazione, per concordare sia gli indirizzi politico-istituzionali ai vari livelli, che le politiche operative nei due settori. Il coordinamento è affidato a Padova per quanto attiene all’ambiente, e a Vicenza per l’internazionalizzazione.
roberto zuccato 300x208La scelta di Vicenza e Padova, di mettere in comune competenze, conoscenze e strutture, consentirà un miglior impiego delle risorse e un’esportazione dei modelli vincenti delle due realtà venete. Per esempio, l’associazione vicentina metterà a disposizione delle imprese associate a Confindustria Padova, nel settore dell’internazionalizzazione e del commercio estero, alcuni servizi di consulenza e assistenza che già fornisce ai propri associati.
Dal canto suo Padova metterà a sistema le competenze e le specializzazioni maturate sui temi ambientali, per fornire sempre meglio alle imprese del territorio gli strumenti conoscitivi necessari per il rispetto delle disposizioni europee, nazionali e regionali, attraverso un’informazione tempestiva e capillare.
Da segnalare, inoltre, che le iniziative convegnistiche sui temi di interesse comune saranno, di norma, svolte nel territorio di entrambe le associazioni. Oltre a ciò, le associazioni condivideranno, quando possibile, le convenzioni di acquisizione dei servizi.
«E’ un altro passo nella direzione giusta. In un momento di grande difficoltà per il Paese, in cui è richiesto a tutti di fare sacrifici e di ottimizzare i costi, è importante cercare forme di collaborazione che consentano, al contempo, risparmi e implementazione dei servizi alle imprese» dichiara Roberto Zuccato, presidente di Confindustria Vicenza. «Questo accordo con Padova – aggiunge – va esattamente in questa direzione: mettendo in comune abilità e competenze otterremo economie di scala importanti, ma anche un sicuro miglioramento della qualità delle nostre attività».
«L’accordo di oggi consolida il processo di integrazione del sistema associativo che ci chiedono le imprese – sottolinea Massimo Pavin, presidente di Confindustria Padova. L’obiettivo è offrire qualità nella consulenza, ottimizzare risorse e competenze, su temi chiave per le aziende, ma anche essere ancora più incisivi nei tavoli politico-istituzionali. È una scelta di responsabilità, verso l’obiettivo di semplificare il sistema della rappresentanza. Una nuova spinta all’integrazione interprovinciale, con due punti di forza: è un’aggregazione bottom-up, che concentra e mette in rete i centri di eccellenza. Ed è un accordo aperto ad altre Territoriali del Veneto, per sperimentare logiche di rete e creare valore per le aziende».


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *