Condivido il (per me Grande) Pres Trump!

//   17 novembre 2018   // 0 Commenti

20181115_124123

Leggo fermo al bar, da buon italiano per un buon caffe’ all’italiana, con seccatura, la prima pagina della Cronaca di Firenze dell’ La Nazione… che a Firenze saremmo razzisti! “Puttanate”! Ancora piu’  “puttanate” perche’ scritte da un giornale come il New York Time che dovrebbe pesare le stupidaggini che dice. Ho trascorso oltre 50 anni della mia vita a Firenze, e della citta’ conosco, cara la mia incompetente giornalista americana, tutti gli angoli nascosti, avendo avuto mio padre per 20 anni taxista a Firenze ed essendo stato per i successivi 16 anni taxista, come “Napoli 12″ Condivido il pensiero del Presidente Trump quando pubblicamente rimprovera il giornalista della CNN di essere un giornalista indegno e capisco, per illuminazione immediata, la portata e il peso del suo parlare da Presidente degli Stati Uniti. Nessuna citta’ piu’ di Firenze in Italia ha il senso dell’accoglienza e del rispetto connaturato al Rinascimento sempre presente nella orgogliosa citta’ di Firenze, di cui mi onoro esserne cittadino. Forse questa tolleranza ha permesso a gruppi isolati di andare oltre il lecito, ma la musica in Italia e’ cambiata con il nostro nuovo Ministro degli Interni Salvini. E l’Italia non dara’ piu spazio a chi vive di sporco guadagno col borseggio e con la droga alla spalle dei tanti turisti e dei ragazzi americani che affollano Firenze. Sentenziare, carissima Nicole Phillip, che Firenze sia una citta’ razzista e’ un insulto alla nostra Cultura millenaria che certamente Tu con la tua superficialita’ di giudizio sommario e affettato non hai. Vergognati! E si vergogni il grande giornale New York Time di averTi dato spazio a scrivere cose superficiali e offensive verso la grande citta’ di nome Firenze, che ha dato un primo Ministro di nome Renzi cui va riconosciuto il grande merito di essere stato un grande politico della sinistra  anche se non lo condivido e il nostro primo Ministro di nome Conte che ha fatto quello che nessuno in Europa ha fatto, nel pacificare la Libia, teatro delicato sul “mare nostrum”. Si. Il Pres Trump ha ragione ad alterarsi sul cattivo giornalismo che fa’ rumore ma che nulla affronta in profondita’. Se tu avessi esaminato che la stragrande maggioranza dei fiorentini non vive piu’ nel centro della citta’ avresti fatto il primo passo intelligente per fare una critica sensata. Ma sei troppo arrogante per potere fare un pacato ragionamento costruttivo e ti reinvio al mittente, che e’ il giornale per cui lavori, col dirTi che noi italiani non siamo cosi’ deficenti da giudicare sulla base del colore della pelle una donna, ma siamo e restiamo un grande Popolo con un Cultura Unica al Mondo e con capacita’ innovative di Pensiero Umanistico di gran lunga superiori al tuonare del tuo giornale miserevole da un grande passato. Grande Popolo che in questo momento a mezzo del rivoluzionario Governo Salvini-DiMaio sta’ combattendo contro una Europa figlia della Vostra superficialita’ di giornalisti sempre pronti a stare dietro allo Spread e ad altri tecnicismi finanziari che distruggono gli uomini nella loro Essenza come centralita’ metafisica, ponte tra il Finito e l’Infinito, ovvero con quei contenuti interiori che fondarono gli Stati Uniti d’America. Sulle mostruosita’ di una Europa che non ha pieta’ di 5 milioni di poveri italiani in ossequio allo spread e alle banche dovresti scrivere, ma dubito fortemente Tu sia capace di esprimere concettualita’ di spessore che costringano tutti alla riflessione, avendomi dato prova con la tua gran cassa del “New York Time” di essere produttrice di “fake news” anziche’ pensieri luminosi e intelligenti! Io non sono e non saro’ mai per te un razzista, ma certamente ti scansero’ per il puzzo del Tuo pensiero.

Grande cosa sara’ quando il nostro Governo chiudera’ i rubinetti del finanziamento pubblico ai giornali in Italia.
20181115 124123


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *