Concerto “SYMPHONIE MONOTON-SILENCE” di Yves Klein e mostra “Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962” a Milano

//   12 novembre 2014   // 0 Commenti

1 foto principale

141 300x225

foto Masha Sirago

Nell’ambito della mostra Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962 in corso al Museo  del Novecento a Milano fino al 15 marzo 2015, il Museo, in collaborazione con Electa,  Archives Yves Klein di Parigi e Fondazione Orchestra sinfonica e Coro sinfonico di Milano Giuseppe Verdi, presenta per la prima volta in Italia la Symphonie Monoton-Silence di Yves Klein, un concerto caratterizzato da un unico accordo continuo tenuto per venti minuti e seguito da venti minuti di silenzio e assoluta immobilità, che ha accompagnato alcuni dei momenti culminanti del percorso creativo dell’artista francese. Il concerto verrà eseguito lunedì 17 novembre alle ore 21 all’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo di Largo Mahler.

12 esterno Museo Novecento e1415823927372 225x300

esterno Museo Novecento - foto Masha Sirago

Esperienza percettiva che si svilupperà quindi nell’arco di quaranta minuti ed eseguita dall’orchestra e dal coro de laVerdi (quest’ultimo guidato da Erina Gambarini) composti ciascuno da 70 elementi e diretti da Roland Dahinden, compositore svizzero formatosi nell’ambito della musica contemporanea che ha lavorato a fianco di diversi artisti e architetti contemporanei ed ha eseguito già in altre occasioni la Symphonie.

Yves Klein foto Masha Sirago e1415824188521 225x300

Yves Klein

Fontana foto Masha Sirago e1415824360813 225x300

Lucio Fontana

La Symphonie Monoton-Silence per l’artista costituisce il corrispettivo musicale del Monocromo. Fu eseguita la sera del 9 marzo 1960, nell’ambito della realizzazione pubblica dell’Anthropométries de l’époque bleue alla Galerie internationale d’art contemporain di Parigi. In quell’occasione Klein diresse un piccolo gruppo di musicisti nell’esecuzione della sua sinfonia e guidò la performance di tre modelle nude – i suoi “pennelli viventi” – che, con il corpo coperto di pittura blu, lasciarono la loro impronta sui fogli bianchi che rivestivano pareti e pavimento, creando le tele della serie Anthropométries. Dopo la morte dell’artista, la Symphonie Monoton-Silence è stata eseguita in dieci diverse occasioni in tutta Europa, una volta a Los Angeles e da ultimo a New York nel 2013.

13 Vittoria di Samotracia 1962 di Yves Klein foto Masha Sirago e1415824535460 225x300

Vittoria di Samotracia (1962) di Yves Klein - foto Masha Sirago

Il concerto della Symphonie è una iniziativa pensata per avvicinare il pubblico ai temi della mostra “Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962”e ai percorsi creativi degli artisti. Presentata il 21 ottobre al Museo del Novecento a Milano, la mostra è a cura di Silvia Bignami e Giorgio Zanchetti.

Venere blu 1962 di Yves Klein foto Masha Sirago e1415824642982 225x300

Venere blu (1962) di Yves Klein - foto Masha Sirago

Blu Klein, ovvero il celebre colore brevettato da Klein: una mostra che si snoda in vari spazi del Museo del Novecento per raccontare il percorso parallelo – tra il 1957 e il 1962, tra Milano e Parigi – di Yves Klein (1928-1962) e Lucio Fontana (1899-1968), attraverso oltre 90 opere e una ricchissima documentazione di fotografie, filmati d’epoca, lettere, copertine di libri e carte d’archivio.

IMG 7420 300x225

“Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962” - foto Masha Sirago

A cominciare da Lucio Fontana, già famoso a quel tempo, che acquistò un’opera monocromo del giovane e stravagante artista francese durante la prima mostra in Italia, diventandone anche nei primi anni Sessanti uno dei suoi più importanti collezionisti in Italia e aprendogli le porte di Milano. Infatti, nel gennaio 1957 Yves Klein tiene la prima personale di monocromi blu alla Galleria Apollinaire di Milano (Proposte monocrome. Epoca blu) con una presentazione di Pierre Restany. Dino Buzzati nella straordinaria recensione Blu Blu Blu racconta la mostra di questo “fenomeno” venuto da Parigi.

foto Masha Sirago2 300x225

"Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962" - foto Masha Sirago

Tra gli episodi significativi del loro rapporto sono documentati i contatti di Klein con galleristi e amici di Fontana (oltre a Guido Le Noci e Dino Buzzati, Peppino Palazzoli, che già nel maggio 1957 presenta alla Galleria Blu le collezioni private di Fontana e Bruno Munari e che sarà il primo acquirente di una Zone de sensibilité picturale immatérielle di Klein); un invito di Fontana a Klein per il progetto, non realizzato, di un’“architecture de l’air” da presentare alla XII Triennale di Milano, nel 1960; il ruolo dell’esuberante Iris Clert che, oltre alle numerose mostre di Klein (la più nota è Le Vide, inaugurata il 28 aprile 1958), presenta nel 1961 le Nature di Fontana nella sua galleria parigina; i viaggi in Italia di Klein, tra cui i pellegrinaggi al Santuario di Cascia – dove dedica a Santa Rita un meraviglioso Ex-voto, presente in mostra – e i soggiorni parigini di Fontana che lo lanciano definitivamente sulla scena internazionale.

67 300x225

“Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962” - foto Masha Sirago

Le ricerche dei due artisti dialogano lungo un itinerario che – sviluppandosi secondo una puntuale ricostruzione biografica e storico-filologica – mette a confronto le loro opere principali attraverso accostamenti tematici e visivi, affidati a soluzioni espositive progettate ad hoc. Al piano terreno sono esposte alcune sculture di Klein coma la Venere blu  o la Vittoria di Samotracia (entrambi pigmento puro e resina sintetica su gesso, 1962) che dialogano con il “Campione olimpico” (gesso colorato, 1932) di Fontana. La rassegna è anche un omaggio a due città come Milano e Parigiche a quell’epoca erano capitali dell’arte contemporanea.

IMG 7432 300x225

“Klein Fontana. Milano Parigi 1957-1962” - foto Masha Sirago

Entrambi gli artisti evocano uno spazio immateriale, cosmico o spirituale, facendo un riferimento storico all’oro della pittura medievale e al blu di Giotto, ma anche impiegando direttamente elementi naturali  quali la luce, il fuoco e l’aria, oppure ispirandosi alle suggestioni di immagini astronomiche.

(Testo e foto ©copyright Masha Sirago, mashasirago@gmail.com)

 

 


Tags:

arte

concerto

milano

mostra


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *