Commercio Estero: al via Stati Generali, oltre mille gli imprenditori da tutta Italia

//   25 ottobre 2011   // 0 Commenti

Pronto ‘Manifesto‘ Squadra Made in italy: Bauli, Bettini, Damiani, Divella, Maccaferri, Marinella, Moretti, Ortolani, Palmieri, Poncato, Rana, Riello, Snaidero, Todini presenteranno al Governo proposte per rilancio. Presenti Premier Berlusconi, i ministri Romani, Frattini, Romano, viceministro Polidori insieme a massime Autorità Ue

Una 9361 a 640 620x3101per dare incisività alla proiezione internazionale dell’Italia e contribuire al dibattito sulla creazione di un nuovo soggetto per accompagnare più efficacemente le imprese sui mercati esteri. Sono queste le proposte legislative da portare al tavolo dei lavori dei prossimi stati generali del commercio con l’estero, a Roma il 28 e 29 ottobre. Le proposte concepite dagli imprenditori faranno parte del Manifesto per il rilancio del Made in ITALY che sarà presentato al governo alle ore 12 di sabato 29.

Nella giornata di apertura, venerdì 28 ottobre, la sessione dei lavori avrà inizio alle ore 15 con l’intervento del Viceministro al commercio con l’estero, Catia Polidori, madrina dell’evento. Seguiranno gli interventi di Franco Frattini, ministro degli Affari Esteri; Karel De Gucht, Commissario europeo al Commercio; Marcin Korolec, Presidente del consiglio dei ministri per il commercio estero (Ue); Lamberto Zannier, segretario generale dell’Ocse; Saverio Romano, ministro delle politiche agricole. Concluderà il lavori il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi.

L’indomani, sabato 29, la sessione si aprirà alle ore 9.00 con l’intervento del consigliere per l’export del Premier, Massimo Calearo Ciman, e a seguire, l’intervento di Gian Mario Spacca, presidente della Regione Marche. Alle ore 12 la squadra dei big del Made in ITALY presenterà al governo le proposte di rilancio, elaborate nei mesi precedenti. A trarre le conclusioni Antonio Tajani, commissario Ue per l’industria e l’imprenditoria e Paolo Romani, ministro dello Sviluppo economico.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *