30 anni nel segno del Toro

//   14 dicembre 2011   // 0 Commenti

lamb

cav. Tonino Lamborghini1 222x300Grande successo per il recital andato in scena ieri sera al Teatro delle Celebrazioni di Bologna “Nel segno del Toro”.
Uno spettacolo che è stato l’occasione per celebrare il Trentennale del Gruppo Tonino Lamborghini, un marchio simbolo del puro talento italiano nel mondo.

Oltre 600 le persone presenti alla pièce tratta dal libro “Diventerò Lamborghini”, scritto da Tonino Lamborghini, interpretato da Lorenzo Guandalini con la partecipazione straordinaria del coreografo e ballerino Andrè De La Roche.

Un gran piacere – ha sottolineato il comm. Tonino Lamborghinifesteggiare con la mia città un traguardo per me importante, quello dei Trent’anni del Gruppo che porta il mio nome”. Un’azienda che l’imprenditore bolognese ha creato riuscendo a tradurre la sua passione per il design e la meccanica in uno stile che è diventato sinonimo di originalità e lusso, apprezzato in tutto il mondo per quello spirito tipicamente italiano nel riuscire a rendere ogni cosa unica. A partire dal suo heritage familiare Tonino Lamborghini ha saputo trovare nuovi percorsi estendendo il concetto di lusso a prodotti con forti connotazioni, caratterizzati da un design senza compromessi fortemente legato al mito del celebre “Toro che carica”.

Elegante, passionale e vulcanico nelle sue idee e nei suoi innumerevoli progetti, il comm. Lamborghini incarna la potenza di uno stile “Made in Italy” nel mondo, con una credibilità internazionale conquistata in 30 anni di attività e di successi soprattutto nei mercati asiatici e del Medio Oriente. Un marchio che con le sue linee di accessori di lusso, orologi, cellulari e occhiali, complementi di arredamento, progetti di hospitality, auto elettriche e utility cars, può vantare accordi commerciali in tutto il mondo e una crescita annua a doppia cifra.

Con questo spettacolo il comm. Lamborghini ha voluto anche dare un contributo concreto alle associazioni AGEOP, MOSES e Piccoli Grandi Cuori.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *