Come sponsorizzare un’attività su Facebook

//   17 agosto 2017   // 0 Commenti

facebook-per-le-aziende-1

facebook per le aziende 1 300x140Facebook è considerato il “re” dei social per chi desidera pubblicizzare la propria attività e la propria azienda, e se è sempre vero che la pubblicità è  l’anima del commercio, essa si fa dove ci sono i clienti: in Facebook appunto!

Basta buttare un occhio al “passato” per avere subito chiaro questo concetto: se prima i siti più visitati erano i portali come Yahoo! e Virgilio oggi, Facebook è il re incontrastato dei social network.

E’ possibile promuoversi gratis su Facebook?

Si, per chi ne è al corrente e per chi, soprattutto, sa come farlo. Si è presenti su Facebook attraverso profili personali, pagine aziendali, gruppi, applicazioni, ecc. Ma la prima cosa che occorre fare per sponsorizzare un’attività su Facebook, per chi ancora non lo possiede, è creare  un account Facebook, dopodiché creare la pagina sarà semplice, una volta scelta la tipologia (impresa locale, azienda, marchio, prodotto…) occorre inserire le informazioni come logo, foto, copertina, descrizione e indirizzo del sito web.

Adesso però dobbiamo aggiungere un però: creare una pagina non basta per renderla visibile, occorre ottenere visibilità e per farlo occorre acquisire fan, utenti che apprezzano la pagina. Possiamo iniziare ad ottenere fan invitando i nostri amici a cliccare sul pulsante “mi piace” e fare in modo si inneschi un meccanismo virale che coinvolga il più alto numero di persone.

Ma avere fan non basta, dobbiamo mantenere alta la loro attenzione, pertanto dobbiamo essere anche in grado di pubblicare contenuti interessanti che siano in target con gli interessi dei nostri potenziali clienti.

E’ comprensibile che la gestione della pagina comporti un certo investimento di tempo e risorse che però sarà ripagato dalla fidelizzazione dei fan.

Per ottenere visibilità e aumentare i fan possiamo utilizzare anche il sito web aziendale. Facebook mette a disposizione degli strumenti di condivisione, sulle pagine del sito aziendale è utile inserire pulsanti “mi piace” o “condividi” e integrare i box che mostrano le facce dei fan. In questo modo, chi visita e apprezza il  sito avrà la possibilità di condividerlo o diventare fan senza dover accedere a Facebook. C’è però anche da tenere presente un altro dato, ovvero, è sempre più difficile emergere, non impossibile, data la forte presenza di sempre più aziende su Facebook, per questo è stato mo modificato l’algoritmo che determina l’uscita dei post in bacheca, che spinge le aziende ad acquistare pubblicità per mantenere la visibilità.

Pubblicità a pagamento

Anche su Facebook è possibile fare pubblicità a pagamento. Il sistema è simile a quello di Google Adwords ma presenta alcune differenze. Se i motori di ricerca intercettano gli utenti mentre sono alla ricerca di qualcosa, Facebook profila i propri utenti per target, ovvero,per età, sesso, luogo di residenza, interessi e “stile di vita”.

Su Facebook possiamo comprare pubblicità in modi diversi, promuovere una pagina aziendale, il nostro sito web, un banner o un post. Una volta definito il target di riferimento, occorre decidere se pagare per le visualizzazioni o per i click e poi definire un budget giornaliero. Difficile definire i costi della pubblicità su Facebook, dipende da quanto vogliamo investire, il costo per ogni click su banner o post dipende dalla nostra offerta e dal mercato che varia di giorno in giorno. E’ anche possibile ottenere report giornalieri per verificare l’efficacia degli annunci e il ritorno dell’investimento. Ma non solo, oggi grazie a sistemi come Swimme, è possibile gestire la pagina Facebook come un vero sito web! Basta dar un’occhiata a  http://www.saffi25.it/ per vederne un esempio live. Insomma, sempre più funzionalità e potenzialità in mano alle aziende che sanno usare con intelligenza questo canale.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *