Come si sono evoluti i Led negli ultimi anni

//   28 giugno 2016   // 0 Commenti

lampade led 300x165Se in un primo momento le sorgenti di illuminazione al Led (acronimo di Light Emitting Diode) producevano un flusso luminoso piuttosto scarso rispetto alle tradizionali lampadine (a incandescenza, a fluorescenza o alogena), oggi questo handicap è stato superato, in quanto esse sono state profondamente migliorate. A tal proposito ricordiamo che il lumen (lm) rappresenta l’unità di misura della luce percepita a occhio nudo, ovvero quanta luce genera una lampadina. Il parallelo tra illuminazione al Led e illuminazione classica pende decisamente in favore della prima.

Come precedentemente accennato i LED, in un primo momento, non erano in grado di assicurare all’utilizzatore un flusso luminoso adeguato. Col tempo, tuttavia, questa tecnologia è stata perfezionata e oggi le sue prestazioni sono notevolmente cresciute, soppiantando, di fatto, le tradizionali fonti di illuminazione. Proprio per questo motivo le lampade al Led possono essere considerate a buon diritto la migliore scelta di illuminazione sia per gli interni che per gli esterni di qualsiasi edificio: da una parte, infatti, si registra un notevole risparmio economico sui costi della corrente elettrica e, dall’’altro, si fruisce di un flusso luminoso più intenso, più duraturo, meno nocivo e di migliore qualità. Le vecchie sorgenti di illuminazione, in altri termini, perdono su tutti i fronti.

Differenza tra lampade al Led e lampade tradizionali

Facciamo un esempio pratico: prendiamo un flusso luminoso pari a 450 lumen; se esso viene generato da una lampada a incandescenza consuma 40 watt, da una lampada alogena 29 e da una lampada Philips LED appena 8 watt. Per rendere più chiaro il concetto diremo che a parità di assorbimento di potenza elettrica, le lampade al LED producono circa il doppio dell’’intensità luminosa. Ciò significa che, sostituendo una lampadina a incandescenza con una di nuova generazione, l’utilizzatore potrà fruire di un notevole risparmio annuo sulla bolletta della luce (in questo specifico caso è pari a 15,2 euro). Il prezzo di acquisto maggiore, in tal modo, verrà ammortizzato in brevissimo tempo.

Ricordiamo, inoltre, che, al fine di rendere più agevole il raffronto tra le vecchie lampade e quelle a basso consumo, le case produttrici normalmente riportano sulle confezioni di vendita delle lampade al LED il loro consumo espresso in watt e quello corrispondente delle vecchie lampadine a incandescenza.

Led: l’ultima frontiera delle fonti di illuminazione domestiche

Le lampade Philips LED risultano essere quanto mai performanti, efficienti e funzionali e possono essere considerate l’ultima frontiera dell’’illuminazione privata.

Un altro aspetto molto importante della tecnologia al LED da tenere in considerazione è quello della sicurezza. A tal proposito diremo che queste sorgenti di luce non generano calore, risultando, di conseguenza fredde al tatto. Una sorgente di illuminazione a incandescenza, invece, trasforma il 90% dell’’energia elettrica che consuma in calore, rendendo la superficie della lampada assai calda al tatto.

Infine va detto che le lampade al LED sono ecologiche, in quanto riducono in maniera significativa le emissioni di CO2 e di altre sostanze nocive sia per l’uomo che per l’ambiente.

Coloro che desiderano approfondire l’argomento trattato possono dare un’occhiata al seguente sito: Lampadadiretta.it.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *