Colpo di Stato alle Maldive. Come farsi rimborsare il viaggio

//   8 febbraio 2012   // 5 Commenti

golpe maldive 300x225Con il colpo di Stato in corso nelle Maldive - la polizia ha costretto alle dimissioni il presidente Nasheed-, nonostante le comunicazioni del nostro ministero degli Affari Esteri rispetto alla limitatezza dei problemi alla capitale Malè, è consigliabile non partire alla volta delle isole dell’Oceano Indiano. Chi è già lì sarà sicuramente assistito dalle nostre autorità, ma chi deve ancora partire è bene che prenda in considerazione l’annullamento del viaggio. Non si sa come la situazione si evolverà, anche se le notizie di agenzie stampa parlano di una situazione sotto controllo da parte dell’esercito, ma la prudenza non è mai troppa in questi casi.
Per questo consigliamo a chi ha prenotato un viaggio alle Maldive di optare per altra destinazione, e comunque disdire il viaggio in quelle isole dell’Oceano Indiano.
Ci si potra’ rivolgere alla propria agenzia di viaggi o tour operator per i dovuti rimborsi e/o cambi di destinazione. Nel caso in cui l’organizzatore del viaggio non dimostri disponibilita’ a modifiche ma insista per la partenza, si dovra’ procedere ad intimare il dovuto con una raccomandata A/R di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php

AGGIORNAMENTO

Alcuni Tour Operator, così come per l’Egitto nello scorso anno, si ostinano a pretendere ingiustamente la partenza.

E’ bene ricordare che, per una sentenza della Cassazione dell’anno 2007, lo scopo del contratto di viaggio, ovvero l’oggetto del contratto, è la vacanza stessa intesa come periodo di relax e benessere psico-fisico. L’oggetto del contratto non può quindi ritenersi raggiunto quando il viaggiatore è costretto a partire con l’angoscia di trovarsi in situazione di instabilità e pericolo per la propria incolumità fisica.

Pertanto è bene ricordare che in questi casi il contratto va considerato risolto per impossibilità della prestazione ed il consumatore ha diritto alla restituzione integrale della caparra versata.

Chiunque fosse interessato può rivolgersi agli sportelli di Confconsumatori: http://www.confconsumatori.com/doveSiamo.asp, oppure scrivere all’indirizzo e-mail turismo@guardachetiriguarda.it attivato nell’ambito del progetto “Guarda che ti riguarda!”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico.


Articoli simili:

5 COMMENTS

  1. By Eleonora, 29 marzo 2017

    Io e mio marito abbiamo un viaggio prenotato che prevede la partenza la prossima settimana. Dopo i comunicati di ieri, sicuramente non confortanti, oggi la Farnesina ha diffuso un comunicato in cui evidenzia la situazione di normalità in cui é ritornata la capitale Malé dopo il colpo di stato. A questo punto, molte sono le incertezze se confermare o meno la partenza; cosa ci consigliate?
    Grazie.

    Rispondi
    • By Michael Vittori, 29 marzo 2017

      Salve

      La situazione sta migliorando anche se in questi casi la prudenza non è mai troppa. Vi consigliamo di monitorare l’evolversi dei fatti in quanto i colpi di Stato sono sempre forieri di evoluzioni improvvise, e nei prossimi giorni di contattare le istituzioni competenti per chiedere un consiglio sul da farsi.

      Rispondi
    • By Michael Vittori, 29 marzo 1669

      Se decidete di partire, come da aggiornamento, avete diritto al rimborso del viaggio.
      La situazione ora è più tranquilla, non dovrebbero esserci problemi di sorta, ma la decisione sta soltanto alla vostra coscienza in casi come questo.

      Rispondi
  2. By silvia, 29 marzo 1660

    ciao, noi partiamo domani sera… abbiamo anche un bimbo piccolino. LE autorità non sembrano allarmiste.. voi che dite?

    Rispondi
  3. By emanuela madureri, 29 marzo 1661

    Io partirei con due bimbi di 4 e 6 anni per andare sopra ari…tra una settimana
    fossi sola non rinuncerei per paura…ma con i bimbi?

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *