Ciambetti incontra i lavoratori della MML di Agugliaro (VI)

//   13 agosto 2011   // 0 Commenti

mml agugliaro 300x225“La situazione occupazionale alla Mml di Agugliaro, in provincia di Vicenza, è molto complessa, anche se mi auguro si aprano degli spiragli positivi già domani, quando l’azienda incontrerà le organizzazioni sindacali. Auspico che la proprietà, a differenza di quanto sosteneva nei giorni scorsi, sia disposta a discutere delle sorti di tutti i lavoratori e non solo di una parte”. Sono parole dell’assessore regionale al bilancio, Roberto Ciambetti, che ieri ha incontrato i dipendenti della MML, azienda del gruppo Volkswagen che produce profili metallici di grandi auto come Bentley e Lamborghini, che stanno occupando i capannoni nel tentativo di scongiurare la dismissione dello stabilimento.
L’assessore veneto ha portato ai lavoratori la sua personale solidarietà, assicurando la massima disponibilità e il sostegno dell’istituzione regionale a quella che ha definito “una battaglia nobilissima”. “Persone e famiglie che difendono un’azienda, per di più all’avanguardia, che dà loro da vivere – ha aggiunto Ciambetti –, che proteggono i macchinari e le apparecchiature con cui operano, dimostrano un grande impegno non solo a tutela del proprio posto di lavoro, ma anche per mantenere qui, a casa nostra, un esempio di produzione di elevata qualità”.
Sollecitato dai rappresentanti sindacali aziendali, Ciambetti ha coinvolto anche la collega Elena Donazzan, assessore regionale alle politiche del lavoro, che immediatamente si è messa a disposizione e ha contattato i responsabili aziendali della MML. “Assieme a Elena Donazzan – ha continuato Ciambetti – seguiremo questa vicenda con estrema attenzione, sia in questi giorni agostani come a settembre, non solo per evitare una ulteriore perdita occupazionale in questo momento di grave crisi economica, ma anche per impedire la dispersione di un patrimonio produttivo e professionale molto avanzato, una risorsa che non possiamo permettere venga sottratta alla nostra comunità”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *