Complessata dal seno piccolo? La chirurgia estetica per sentirsi più sexy

//   12 settembre 2011   // 1 Commento

seno01

dreamstime 11756637 199x300

Un troppo piccolo od inesistente può creare pesanti disagi psicologici alla  donna. Se l’ ipotrofia mammaria è stabile dopo la maggiore età si può iniziare a meditare sul da farsi. La chirurgia estetica del seno oggi offre risultati più naturali e soddisfacenti a tutto beneficio dell’ autostima e femminilità.

 

Questa volta non parliamo di chi ha poco seno e desidererebbe avere una o due taglie in più. Parleremo di chi, donna a tutti gli effetti, di seno non ne ha per niente a causa di uno scarso od assente sviluppo della ghiandola mammaria. Il torace appare quindi piatto come quello di una bambina o meglio – se vogliamo rispettare le proporzioni – come quello di un giovanetto. Questo tipo di situazione é causa di un disagio estetico ma ancor più psicologico: la donna si sente menomata della sua parte femminile più appariscente, si sente pertanto meno bella e sensuale e, nei casi più complessi, rifugge l’intimità con il partner per paura di doversi scoprire.

 

Seno: Indice di femminilità

La comparsa del seno é il primo segnale che evidenzia nel corpo della ragazzina il passaggio dall’infanzia alla pubertà. Sotto il profilo psicologico, lo sviluppo del seno sotto la spinta degli ormoni prepara la giovane ad affrontare meglio il trauma del menarca, la prima mestruazione: si può dire quindi che il seno é il primo segno della femminilità. Dopo la pubertà, ogni donna sviluppa un seno diverso da ogni altra: il volume e la forma delle mammelle sono regolati geneticamente ma a determinarli possono essere vari fattori esterni come l’indice di grasso corporeo, l’alimentazione, lo stile di vita, lo sport. Il seno in genere comincia a formarsi tra i nove  e gli undici anni e può crescere di volume fino ai venti. Prima di parlare di ipoplasia é consigliabile comunque attendere quattro/cinque anni dal menarca mentre per sottoporsi all’intervento di aumento chirurgico del seno (mastoplastica additiva) é necessario (anche legalmente) aver compiuto i 18 anni. Il dott. Pallaoro consiglia di aspettare anche la formazione di una stabile maturità psicologica.

 

La scheda

Definizione di ipoplasia

Insufficiente sviluppo del tessuto mammario (ghiandola ed adipe). Tale condizione si conclude solo al completamento dello sviluppo (dopo quindi i 18/20 anni).

Le cause dell’ ipoplasia

Può avere una causa di origine genetica ma dipendere anche da fattori quali l’alimentazione od un eccessivo dimagrimento (il seno infatti é costituito anche da tessuto adiposo, la cui concentrazione ne influenza il volume).

 

Le conseguenze

Nessuna dal punto di vista strettamente biologico. Dal punto di vista psicologico invece possono esserci pesanti ripercussioni. In un mondo mediatico con standard estetici molto definiti, l’ appartenenza minima ad uno schema desiderato è determinante nella formazione dell’autostima. La mastoplastica additiva aumenta non solo il volume del seno ma anche autostima e femminilità!


Si ma quanto?

Occorre riferire al chirurgo la forma e la taglia desiderata ma tenendo presente che ci sono ricerche che dimostrano che le donne che si sono sottoposte alla mastoplastica scegliendo una misura esagerata, di norma dopo un anno, dichiarano di essere insoddisfatte del risultato.

Ci vuole misura! Quella giusta è armonica con il resto del corpo. Dopo la mastoplastica, il seno risulterà non solo più voluminoso ma avrà anche proporzioni adeguate alla struttura della paziente. Il rimodellamento della chirurgia estetica conferisce armonia e tonicità al seno per molti anni.


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. Pingback: Quando l’assenza di seno crea complessi | Chirurgia Plastica Estetica

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *