Centro Ricerche Creta, tempo di bilanci

//   6 gennaio 2012   // 0 Commenti

rinnovabili3 300x195Siamo da poco entrati nel nuovo anno e il nostro Centro Ricerche non può che augurarti pace, serenità ed un felice 2012 per noi e per il Pianeta. Lo facciamo di tutto cuore e come augurio perché l’anno che abbiamo appena superato ci ha lasciato ancora molte zavorre da abbandonare e molte vere sfide da affrontare e vincere.

Da questo punto di vista non è ancora il momento dei bilanci, li faremo a tempo debito quando il futuro davanti a tutti noi sarà più chiaro. E forse in questo momento non ha senso parlarne. Oggi è ora di agire con tutte le nostre forze per fare qualcosa di buono verso la nostra Madre Terra, che ci alimenta e ci permette di vivere nel suo grembo. Distruggendo essa non ci rendiamo conto di andare incontro ad una fine prematura, come il boscaiolo che segava lo stesso ramo sul quale era seduto.

Non è nemmeno il caso di farsi prendere dalla rabbia o dallo sconforto: non è vero che non possiamo fare niente individualmente, così come non è vero che siamo troppo piccoli per cambiare le cose. Il destino dipende dalla sommatoria delle azioni individuali e noi siamo certi che un battito d’ali in Papuasia possa causare un tornado in Texas, così come piantare un albero di gelsomini potrà far scoccare l’amore universale.

Abbiamo bisogno di intelligenza, l’unica ricchezza inesauribile del genere umano che ci ha già fatto compiere passi da giganti e che ci porterà ancora ad un livello superiore se la useremo per il bene comune. Non è l’oro, che è un metallo come il ferro o il piombo -solo più luccicante- non sono i diamanti che da soli non sarebbero in grado di sfamare nessuno, non sono quei foglietti di carta colorata che tanto rincorriamo: la ricchezza più grande sta dentro ciascuno di noi. Se dietro alle cose, alle azioni, ai gruppi, agli eventi non c’è un minimo di intelligenza, tutto sarà vano.

Intelligenza è aprire gli occhi e chiedersi cosa potremo fare di buono oggi. Senza scuse, senza tergiversare, senza rimandare. Chiedersi se le conseguenze delle nostre azioni sono moralmente accettabili e se sono o no estendibili a tutto il genere umano. Siamo in sette miliardi su questo piccolo pianeta: sette miliardi di bocche da sfamare sono un’enormità, ma sette miliardi di teste al lavoro per progettare il bene comune sono una potenza inarrestabile. La vera risorsa rinnovabile -lo ripetiamo ancora una volta- è il Sapere congiunto con le buone intenzioni.

E se ancora ci sentiamo troppo piccoli per fare tutto questo da soli, non ci resta che unirci a chi la pensa come noi per costruire insieme un futuro migliore.

Con questo spirito come Centro Ricerche CRETA, Centro ormai rinomato per la diffusione del sapere, la ricerca, la divulgazione, la comunicazione orizzontale, abbiamo affrontato con numerosi successi l’anno che si è appena concluso e con gli stessi ideali ci apprestiamo a darci da fare, a esprimere tutto il nostro meglio nell’anno in corso e finché le forze, l’entusiasmo e il vostro appoggio ce lo consentiranno.

A tutti va il nostro più sincero augurio di un Futuro Migliore, che dipende da noi tutti. E con questo messaggio ti sproniamo a scendere in campo, a dare il tuo contributo, a rimboccarti le maniche.
Entra nel nostro network, unisciti a noi!

(http://www.scuoladellerinnovabili.it/associati/)


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *