Dalle stelle alle stalle si ritorna sulle stelle?

//   4 luglio 2011   // 0 Commenti

strauss kahn

strauss kahn jpgEcco nuovamente ci troviamo davanti ad un errore, Strauss Kahn non solo è stato scarcerato ma il processo si avvia verso il proscioglimento dalle accuse. Ci sono alcuni fatti che rendono una fotografia della realtà del nostro tempo che vanno analizzati. L’importanza di un uomo che ricopre la carica di direttore del Fmi e che si avvia alla corsa per le presidenziali di Francia temuto avversario del Presidente Sarkozy, tanti nemici tanto onore ma anche tanta esposizione agli attacchi, chissà dovessimo pensare ad una spy story gli ingredienti ci sarebbero tutti, la debolezza di Kahn verso le donne e quelle occasionali, potrebbe avere tutte le più belle donne del mondo, invece ama la sua donna e vuole possedere le altre con rapporti occasionali a pagamento e che comunque non sono difficili personaggi come Strauss K. hanno grande appeal verso le signore affascinate dal potere, se a tutto questo mettiamo l’apparente insaziabilità del nostro libertino la frittata è fatta.
Anche noi in Italia ne sappiamo qualcosa, niente di più facile per chi lo vuole togliere di mezzo, si trova una disponibile con gravi difficoltà famigliari e finanziarie, che magari in cambio di denaro accetta di stare al gioco, nel presente o in prospettiva, la si va a cercare negli ambienti giusti.
christine lagarde 300x300La cameriera aveva rapporti con narcotrafficanti che le avevano passato 100mila dollari in un anno, forse già a busta paga ?…Non sappiamo forse non lo sapremo mai ma un bel film lo faranno di sicuro e lo sceneggiatore saprà ricostruire con poca fantasia il file rouge che gira intorno alla storia. Anche se ritornerà in auge Strauss Kahn riuscirà a concorrere un giorno per la poltrona dell’ Eliseo? Vedremo, ma negli Usa, dove non scherzano nell’applicare la legge e non si fanno scrupoli quando devono arrestare qualcuno sia chi sia, anche loro a volte sbagliano, quanti ne hanno mandati a morire sulla sedia elettrica?..Tanti purtroppo innocenti a iosa, ma sono inflessibili gli americani, ti arrestano ti buttano in pasto alle telecamere che senza alcun riguardo verso il potente, indugiano in particolari scabrosi come le manette in primo piano, rilanciano l’immagine/messaggio che la democrazia non guarda in faccia a nessuno, che la giustizia è uguale per tutti e chi sbaglia paga, intanto chi ha grandi avvocati a volte può farla franca, per chi non si può permettere altro che l’avvocato d’ufficio sono dolori e quindi tante ingiustizie vengono perpetrate.
Sarkozy 222x300Anche i giudici pagano e il loro curriculum con errori e sconfitte colleziona macchie che a volte stroncano carriere, ricordiamo Marcia Clark che impersonando la pubblica accusa nel processo a O.F. Simpson perse non facendolo condannare, o a chi come Kenneth Star che fece l’ impeachment di Clinton senza arrivare alle dimissioni. Pagano eccome, ma negli Usa uno dei meriti è che la macchina della giustizia si muove velocemente, come un razzo rispetto alle nostre ” bighe romane “… Dall’ arresto al giudizio su Strauss Kahn un mese e mezzo, se pensiamo a noi, ai nostri processi decennali, siamo arrivati dopo 4 anni a dire che l’omicidio di Meredith a Perugia è da rimettere in discussione “ci siamo sbagliati sul Dna che ha fatto condannare Amanda e il suo boyfriend” come ci siamo sbagliati i periti ci arrivano ora, ma non guardano C.S.I. alla Tv ? Tanta ingiustizia, nessuno poi che si scusi o al quale qualcuno applichi ammende, neanche che il curriculum si macchi, anzi meglio di prima dopo un errore macroscopico… audience televisiva e notorietà. Se Strauss Kahn fosse stato arrestato in Italia quanto lo avremo tenuto sulla graticola su rinvii a giudizio ecc.. meno male che il “mandrillo che c’è in lui” non viene spesso in Italia, ha corso un bel rischio, chissà se dopo il ” trattamento ” italiano avrebbe mai avuto una chance per rilanciare la propria carriera? Magari dopo l’esperienza americana un giorno ce lo ritroviamo all’ Eliseo?
Sarkozy permettendo ovviamente.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *