Buon compleanno A.I.B.T

//   29 settembre 2011   // 0 Commenti

aibt

L’A.I.B.T., Associazione Italiana di Immunogenetica e Biologia dei Trapianti, presieduta da Valerio Misefari, festeggia a Bologna il 25° anno della sua fondazione.
Il XVIII Congresso nazionale dell’A.I.B.T., organizzato da Andrea Bontadini, responsabile della Struttura Semplice di Immunogenetica del Policlinico S.Orsola-Malpighi, si svolgerà al Royal Hotel Carlton giovedì 29 (con apertura dei lavori dalle ore 17.00), venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre: saranno illustrate e discusse non soltanto le novità della ricerca e offerte le testimonianze dei medici che hanno contribuito a diffondere e a fare crescere la cultura dell’immunogenetica in campo nazionale e internazionale, ma, per la prima volta a Bologna, si svolgerà anche un confronto tra clinici e specialisti del settore per approfondire alcuni temi di questa materia nelle sessioni dedicate al trapianto delle cellule staminali emopoietiche e d’organo (venerdì 30 settembre).

E’ ormai sempre più evidente la necessità di nuove strategie organizzative in Italia e di una sempre più stretta collaborazione tra chi lavora in laboratorio e chi, in ambito clinico, usufruisce dei risultati dell’immunogenetica: occorrono risposte sempre più rapide per consentire di salvare vite umane attraverso quei trapianti che vedono Bologna come punta di eccellenza internazionale.
Dai sessanta giorni di un tempo per ottenere i risultati genetici dei donatori per la donazione di cellule staminali si è passati ai ventotto attuali: cifre importanti, ma che la comunità scientifica desidera migliorare ulteriormente.
Allo scopo di garantire standard di qualità sempre più elevati, ricopre altresì un ruolo fondamentale la gestione a livello europeo della donazione di cellule staminali emopoietiche, tema che sarà oggetto di una tavola rotonda di sabato 1 ottobre, con inizio alle ore 11.30, alla presenza, tra gli altri, di Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro Nazionale Trapianti e di Giuliano Grazzini, direttore del Centro Nazionale Sangue.

Il Congresso dell’A.I.B.T. non si rivolge solo al mondo medico-scientifico, ma intende tenere alta l’attenzione sociale sul tema delle donazioni, sui principi etici che devono regolarle e sulla necessaria crescita del numero di donatori.
Basilare è la diffusione della cultura della donazione allogenica, vale a dire quella in cui una persona ceda il proprio midollo osseo o il sangue del cordone ombelicale per salvare la vita di chiunque abbia bisogno di cellule compatibili. Si tratta in questo specifico campo dell’unico genere di donazione ammessa dal nostro ordinamento giuridico e che va fermamente sostenuta.
In Italia infatti non è consentita la conservazione per uso unicamente autologo (personale) del cordone ombelicale, tranne nei casi in cui sia presente, tra i consanguinei del nascituro, una patologia per la quale sia appropriato l’utilizzo terapeutico di queste cellule staminali. In alcuni Paesi, tuttavia, la pratica della conservazione autologa ha visto il proliferare di biobanche private, di inutili scorte di staminali e di altrettanto inutili “viaggi della speranza”, pagati a caro prezzo e con dubbi esiti.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *