Banca Ifis

//   5 novembre 2019   // 0 Commenti

Banca IFIS S.p.A. comunica di aver perfezionato, in data odierna, l’acquisto del 10% del capitale sociale della società controllata FBS S.p.A., detenuto dai soci di minoranza Avv. Paolo Strocchi, Dott.ssa Elena Paola Ruo e Dott. Giorgio Fedocci, per un corrispettivo complessivo pari a 12,2 milioni di euro.
Tale operazione, diventando Banca IFIS l’azionista unico di FBS S.p.A., consentirà di completare nel breve periodo le attività di integrazione di FBS nel Gruppo Banca IFIS e di realizzare uno sviluppo ancora più incisivo
nel mercato italiano dei Non Performing Loans, a presidio di tutti i segmenti del credito deteriorato, con strutture flessibili di investimento e gestione.
Gli accordi sottoscritti, anche di natura transattiva, prevedono che l’Avv. Strocchi e la Dott.ssa Ruo cessino dalle rispettive cariche di Consiglieri di Amministrazione (e con riferimento a Strocchi, di Amministratore Delegato) di FBS con effetto dal 30 novembre 2019. L’operazione prevede, con la medesima decorrenza, anche la cessazione dei rapporti di Federico e Filippo Strocchi con FBS e altre società del Gruppo, mentre la Dott.ssa Ruo cesserà dall’incarico di Direttore Generale della società il 31 gennaio 2020. Gli accordi sottoscritti sono conformi alle politiche sulla remunerazione del Gruppo Banca IFIS.
L’operazione con gli azionisti di minoranza di FBS S.p.A., costituisce un’operazione con soggetti collegati, in ragione dei ruoli rivestiti dell’Avv. Strocchi e della Dott.ssa Ruo nel Consiglio di Amministrazione di FBS e del rapporto di lavoro dirigenziale di quest’ultima con la società.
Tale operazione, ai sensi della normativa applicabile e della procedura interna in materia di Operazioni con Parti Correlate, si configura quale operazione di minore rilevanza.
L’Operazione, deliberata dal Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS nella seduta odierna, è stata pertanto oggetto di preventiva valutazione da parte del Comitato Controllo e Rischi e del Comitato Remunerazione della Capogruppo.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *