“Arturo Toscanini. La vita e il mito di un maestro immortale” al Museo Teatro alla Scala

//   18 maggio 2017   // 0 Commenti

1-mostra-toscanini

4 mostra Toscanini 225x300Fino al 20 agosto la mostra “Arturo Toscanini. La vita e il mito di un maestro immortale” a cura di Harvey Sachs e Franco Pulcini presso il Museo Teatrale alla Scala. Inaugura il 22 marzo scorso, la mostra è parte del programma di iniziative del Teatro alla Scala, per celebrare i 150 anni dalla nascita e i 60 dalla scomparsa del grande direttore (nato a Parma, il 25 marzo 1867), culminata nel concerto diretto proprio il 25 marzo da Riccardo Chailly e proseguite il 27 marzo a Washington, alla Library of Congress, con un concerto dei Cameristi della Scala. Programma replicato il 28 marzo all’Union Station di Washington e il 29 marzo presso il Rizzoli Bookstore di New York.5 Mostra Toscanini 300x225

1929 Toscanini ritratto a Berlino alla fine degli anni Venti con i più grandi direttori dell’epoca alla sua destra Bruno Walter alla sua sinistra Erich Kleiber Otto Klemperer e Wilhelm Furtwangler 300x225

Toscanini ritratto a Berlino alla fine degli anni Venti con i più grandi direttori dell’epoca alla sua destra Bruno Walter, alla sua sinistra Erich Kleiber, Otto Klemperer e Wilhelm Furtwangler

La mostra è suddivisa in quattro sezioni: la musica, la Scala, la fama, la vita, che restituiscono alcuni aspetti della vita e dell’opera del direttore d’orchestra più celebrato di sempre. Le foto esposte sono riprodotte su grandi pannelli che servono anche a delimitare le sezioni della mostra, così come alcune copie delle locandine dei concerti diretti da Arturo Toscanini: La Traviata, Turandot, Nerone, Falstaff. “Amo e pregio tutte le opere che dirigo, sinfoniche o teatrali, perché….dirigo soltanto quelle che amo” aveva affermato Toscanini. Colpisce l’attenzione la gigantografia del Maestro ritratto a Berlino alla fine degli anni Venti con i più grandi direttori dell’epoca: alla sua destra Bruno Walter, alla sua sinistra Erich Kleiber, Otto Klemperer e Wilhelm Furtwangler.

busto di Wildt 1933 300x225

1933, busto di Wildt

Il Teatro alla Scala, nel cui Ridotto dei Palchi “A.Toscanini” troneggia un busto (1924) a lui dedicato da Wildt, e il suo Museo intendono celebrare il direttore che ha portato il Teatro a un nuovo grado di eccellenza musicale, secondo i nuovi intendimenti del Novecento, e allo stesso tempo rendere omaggio all’uomo fedele agli ideali democratici di Mazzini e di Garibaldi. Il perfezionismo musicale, la concentrazione sullo spettacolo, l’impegno assoluto nell’esecuzione sono tutti temi legati alla sua figura di artista e organizzatore. Dopo Toscanini, la figura stessa del direttore d’orchestra è mutata nell’immaginario collettivo e nella sua funzione all’interno del Teatro alla Scala ma anche negli Stati Uniti e nel mondo. La sua opera è anche legata all’introduzione dei repertori sinfonici tedeschi fra il pubblico italiano; infatti, nel 1930, Toscanini fu il primo direttore d’orchestra non di scuola tedesca a dirigere al Festival wagneriano di Bayreuth.

“La prima qualità di un direttore? L’umiltà, l’umiltà…Se qualcosa non va, è perché io non ho capito l’autore. Tutta colpa mia. Chi pensa che Mozart, Beethoven, Wagner, Verdi hanno sbagliato e sono da correggere, è un imbecille. Il direttore non deve creare: il direttore deve eseguire. Umiltà, fedeltà, chiarezza, unità…” è l’affermazione di Arturo Toscanini, così come “Non è che io sia il più bravo, sono l’unico”, e si riferiva a tutti gli altri direttori del suo tempo.

Conservatorio2 225x300

Frac di Arturo Toscanini, Conservatorio "Giuseppe Verdi" a Milano

All’inaugurazione della mostra,  tra immagini e memorabilia,  il curatore Franco Pulcini ha raccontato e presentato la mostra ” Arturo Toscanini” al Museo Teatro alla Scala (2’56″ © copyright Masha Sirago) clicca su https://www.youtube.com/watch?v=63nQZK9r9cw. Ora visitate la mostra nella parte finale con questo Abstract Mostra “Arturo Toscanini” al Museo Teatro alla Scala (43″© copyright Masha Sirago): https://www.youtube.com/watch?v=gnJFXazlrtQ

La mostra è stata preceduta da un incontro, presieduto dal giornalista Armando Torno, tenutosi il 14 marzo scorso alle ore 18 per il ciclo “Letture e Note” al Museo del Teatro alla Scala con Harvey Sachs, il principale studioso mondiale della vita di Toscanini e curatore della mostra.  Harvey Sachs sulle lettere di Arturo Toscanini (abstract video 4’49 © copyright Masha Sirago): https://www.youtube.com/watch?v=5V49NSb1K1E  e  Harvey Sachs, “Letture e note al Museo” (abstract video 3’49 © copyright Masha Sirago): https://www.youtube.com/watch?v=Yqt_qgIawyk&t=42s .

Per chi volesse ammirare da vicino il frac che Arturo Toscanini indossava per i concerti più importanti e altri suoi cimeli, può fare un salto anche al Conservatorio Giuseppe Verdi (www.consmilano.it).  L’abito è composto da pantaloni e giacca, disegnato e tagliato su misura da Domenico Caraceni, con tasselli di stoffa all’interno di ambedue i pezzi che recano il nome del proprietario e la data del 1933.

Masha Sirago scrittrice3 225x300

Masha Sirago, scrittrice

La mostra “Arturo Toscanini. La vita e il mito di un maestro immortale” al Museo del Teatro alla Scala è aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 17.30, ed è corredata dal volume ““Arturo Toscanini. La vita e il mito di un maestro immortale” edito da Rizzoli con il sostegno di Salini Impregilo (www.teatroallascala.org)

Leggi anche:

“Letture e Note” al Museo del Teatro alla Scala: http://www.mondoliberonline.it/letture-e-note-al-museo-del-teatro-alla-scala/67372/

“Museo Rentata Tebaldi” a Busseto: quando il mito trova casa: http://www.mondoliberonline.it/museo-renata-tebaldi-a-busseto-quando-il-mito-trova-casa/41845/.

Il “Museo Renata Tebaldi” a Milano nelle vetrine degli stilisti Dolce&Gabbana in via della Spiga: http://www.mondoliberonline.it/il-museo-renata-tebaldi-a-milano-nelle-vetrine-degli-stilisti-dolcegabbana-in-via-della-spiga/59606/

“Storia dell’opera italiana” di Fabrizio Dorsi e Giuseppe Rausa, presentato al Conservatorio di Milano: http://www.mondoliberonline.it/storia-dellopera-italiana-di-fabrizio-dorsi-e-giuseppe-rausa-presentato-al-conservatorio-di-milano/68752/.

Renato Bruson: intervista-conversazione, dal palcoscenico della lirica al collezionismo di opere d’arte dell’Ottocento: http://www.mondoliberonline.it/renato-bruson-intervista-conversazione-dal-palcoscenico-della-lirica-al-collezionismo-di-opere-darte-dellottocento/49045/

Masha Sirago, testo, video e foto © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.comwww.mashasirago.com


Tags:

Armando Torno

Arturo Toscanini

concerti

Franco Pulcini

Harvey Sachs

Masha Sirago

milano

mostra

Museo Teatro alla Scala

music

musica classica

Riccardo Chailly

Teatro alla Scala


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *