Alluvioni e calamità, spendere in prevenzione

//   31 ottobre 2011   // 0 Commenti

alluvionati veneto

Ancora una volta la catastrofe, l’alluvione in Liguria e Toscana, come sempre contando le vittime e facendo il computo danni economici si dice, si denuncia, si proclama che andavano fatti lavori e cambiamenti sul territorio. Intanto continuiamo a piangere vittime, recenti anche le tragedie in Veneto, anche lì l’Arpav ( agenzia regionale per l’ambiente) aveva fatto studi su cosa si doveva fare per poter prevenire… Nessuno lo adottò. Come sempre mancano i fondi, il Presidente della Regione Toscana ha deciso di applicare una tassa sulla benzina di 5 centesimi al litro, bene se vanno a risolvere i problemi, applichiamola in tutte le regioni e i cittadini abituati a tanti balzelli inutili questa volta avranno soddisfazione e la pubblica istituzione il dovere di informare passo passo come vengono spesi i soldi. Con tante dilapidazioni in atto ogni abitante avrà piacere poter far tutto ciò che è possibile per prevenire queste tragedie, poi se la natura sarà ancora più forte ce ne faremo una ragione. Ora non possiamo ancora continuare nel piangere e chiudere la stalla quando sono usciti i buoi. Individuiamo le opere da fare sui territori regionali e facciamoli, tante aziende avranno anche da lavorare, si potranno così salvare anche economie di imprese sull’orlo del tracollo, soprattutto spenderemo oggi per non essere chiamati a pagare domani conti ben più salati con l’aggravante insanabile delle vittime.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *