Ancora una volta… povero cittadino!

//   8 settembre 2018   // 0 Commenti

riscossione-coatta

Ho 57 anni… per gran parte della vita ho usato i telefoni a gettoni… e non avrei mai immaginato quanto il web sarebbe stato il divaricatore tra i nuovi acculturati e i nuovi analfabeti.
Ma arrivo al dunque per non stancare il lettore. Nel corso della mia esistenza qualche leggera multa me la sono presa, ma mai una di 1700 euro! Da un accertamento fatto dai vigili una mia auto che era guasta e del quale destino ero incerto tanto che la posizionai nel parcheggio condominiale privato ad uso pubblico di casa mia dal 1980. Gli inflessibili vigili riscontrarono l’assenza di copertura assicurativa e elevarono la multa in un area dove mai le motospazzatrici del Comune dal 1980 erano andate e dove mai le multe venivano elevate a chi sostava per riparare alle multe per intralcio al lavaggio della strada. E dove il Comune mai ha fatto lavori di riparazione del selciato PIENO DI BUCHE. MAI. Resomi conto della situazione ho volutamente trascurato l’iter della multa medesima, pensando che avrebbe dovuto decadere da sola la multa per evidente distorsione del codice della Strada, quando al sollecito dell’Ufficio Riscossione Coattiva del Comune di Firenze sono stato costretto a chiedere l’annullamento della medesima in forza della certezza che la multa era stata fatta in area privata condominiale come risulta in modo evidente dal catasto. Abituato male e alla storica maniera degli antichi analfabeti  pensavo di risolvere tutto con una raccomandata. Apriti cielo! L’unica strada che mi era concessa era di scovare nel sito del Comune la particella della richiesta di revisione e annullamento delle multe della polizia municipale. Trovato finalmente il sito dopo una decina di telefonate al Comune… il sito medesimo mi chiede di caricare le foto dei documenti al massimo di 2mb… che roba e’? Il dramma nel dramma! Prova, riprova e riprova ancora… la pagina web non accettando le foto fatte dal mio smartphone non mi permetteva di proseguire nella faticosa compilazione, anche se mi segnalava che potevo inserire le foto fatte dal mio palmare… il peso doveva essere di 2 mb. D’improvviso mi sono accorto di essere un imbecille analfabeta idiota e cretino! Colpo di genio come risposta! Vado di corsa ad un centro di ingegneri informatici… pago il disturbo… e finalmente ho le mie foto 2mb che il Comune pretende per l’istanza di annullamento via web. Mamma mia! Avro’ impiegato almeno 1 giornata a risolvere il problema… devo essere un imbecille a non capire che questo sistema voluto dai cervelloni e’ stato ideato appunto per fare risparmiare Tempo!…. ancora una volta….povero cittadino!
riscossione coatta 150x150


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *