Lettera al governo e ai parlamentari veneti

//   12 dicembre 2011   // 0 Commenti

alluvione1 300x201Il coordinamento dei comitati degli alluvionati del Veneto chiede al Presidente del consiglio Mario Monti e a tutti i parlamentari di prestare massima attenzione alla grave situazione degli alluvionati del Veneto.

Chiediamo che venga estesa l’applicazione della deducibilità fiscale dei lavori sulla casa al 36% anche ai lavori fatti nel 2011. La norma contenuta nell’articolo 4 del DL della manovra Salva Italia è senz’altro un segno di giusta attenzione verso chi ha subito una calamità naturale, e proprio per questo non ha senso farla decorrere solo dal 1 gennaio 2012.
Migliaia di famiglie hanno fatto i lavori nel 2011; sono gia’ duramente penalizzate dall’adozione da parte del commissario straordinario di un prezziario che fa riferimento ai prezzi applicati per i lavori su opere pubbliche; la mancata applicazione dell’agevolazione 36% per i lavori fatti nel 2011 dagli alluvionati del Veneto sarebbe una beffa.

Siamo consci che non è una norma che permette di risolvere il problema di chi è stato danneggiato, oltre che alla casa, anche ai mobili e spesso anche all’auto, ma permette di ridurre il carico fiscale di qualche centinaio di euro all’anno, riducendo le difficoltà del bilancio familiare ora appesantito dai mutui contratti per poter realizzare i lavori di ripristino.

Il coordinamento comitati alluvionati del Veneto


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *