Al varo la rete d’imprese ncc Italia! Costituita davanti al Notaio dr Filippo Lazzeroni

//   18 gennaio 2019   // 0 Commenti

20190117_114500

Si e’ costituita ufficialmente il 17 gennaio 2019 la rete ncc italiana alla presenza del Notaio col supporto del noto tributarista ufficiale della rete Rag. Pagliuchi e dei tre imprenditori autonoleggiatori per delega di oltre mille autorizzazioni ncc, rispettivamente Presidente Mario Molinaro e V.Presidenti Enrico Cotroneo e Umberto Muto. Rituale il festeggiamento accanto ad una buona bistecca fiorentina presente altro noto imprenditore Francesco Del Rio della Giotto Bus, già massimo dirigente della medesima rete insieme agli altri Dirigenti costantemente informati come Massimo D’Aloisio della Abruzzo, Franco Mancini delle Puglie, Armando D’Eliseo di Roma, Livia Lamberti di Venezia, Salvatore Addario di Aosta, Marco Deidda di Cagliari, Roberto Antiperini di Torino, Lorenzo Scalia di Milano e altri.
Pur essendo un momento convulso per il mondo degli ncc a causa della nuova discussa legge che regolamentera’ il servizio di autoblu, nella fiducia verso il Governo e poca fiducia verso le diverse e troppe rappresentanze sindacali, la rete d’imprese ncc vuole essere una risposta precisa e articolata alle esigenze del mercato al passo con i tempi ipertecnologici.
Nata sulla parola come chat nazionale questa rete di ncc dalla Valle D’Aosta fino a Pantelleria, e dopo avere generato un incontro nazionale tenutosi all’hotel Baglioni a Firenze con oltre 100 imprenditori divisi tra Firenze e le manifestazioni sindacali nelle piazze di Roma, cui di ritorno da Roma il portavoce nazionale Masina della CNA giunse a comunicare le convulse notizie, nel passaggio successivo si e’ proprio costituita con uno Statuto e un Regolamento in rete d’impresa ncc italiana.
Questa rete rappresentativa nella somma dei fatturati di tutte le imprese oltre 50 milioni di euro ad oggi, s’impone al rispetto dei tanti Consorzi o Coop nazionali con la differenza che copre l’intero territorio nazionale per favorire tra i “retisti” quel naturale interscambio di lavoro e quindi meglio soddisfare la propria clientela dal Nord Italia al Sud e viceversa e offrire ai Tour Operator internazionali un canale di raccordo diretto su scala nazionale per il servizio autoblu e bus in una logistica di presenza su tutto il territorio nazionale. Ovviamente i canoni di appartenenza sono rigidi e da 5 Stelle, senza tolleranze e falsi pressappochismi. Questo per dare al cliente finale il top del servizio senza tema di smentite. Perché questa rete d’imprese ncc ha l’ambizione di essere in Italia al top del servizio di autoblu secondo le dominanti esigenze internazionali per cui farà presente al Governo di dovere tenere conto nella Legge di favorire e non ostacolare l’esercizio del servizio che nulla ha a che vedere con Uber o col servizio taxi. Coloro che vogliono il servizio di autoblu, tra gli stranieri anche di 2′ e 3′ generazione italiana per oltre 100 milioni d’italiani, sono milionari e veicolo internazionale di buona pubblicità reale e diretta del Belpaese. La rete d’impresa ncc costituita per questo reclama massima attenzione dal legislatore quanto dagli aderenti il top della qualità del servizio, pena la loro immediata esclusione dalla rete medesima, che nasce come ripeto con l’ambizione di essere nello scenario nazionale uno strumento per le selezionate imprese di migliore capacità di servizio alla esigente clientela internazionale, che viene in Italia vuoi per turismo o vuoi per business. Una scommessa gia vinta da parte di questi massimi dirigenti che hanno dalla loro parte accrediti internazionali di spessore a riprova della loro professionalita’, ma principalmente al servizio dell’Italia, tant’è che il Comm Vinchesi Medaglia d’Oro dello Stato Italiano in rappresentanza dell’Associazione industriali italiani del Principato di Monaco era presente a Firenze il 29 novembre insieme ad altri illustri relatori convenuti alla singolare assemblea come da precedente servizio di Mondoliberonline e del giornale “Il Tirreno”.
20190117 1145001


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *