Accordo per il reinserimento lavorativo dei disoccupati nel settore edile. Progetto finanziato dalla Fondazione Cariverona

//   14 luglio 2011   // 0 Commenti

Firma dell'accordo

Ieri, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, il presidente della Provincia Giovanni Miozzi ha sottoscritto l’accordo operativo per il reinserimento di persone che hanno perduto il lavoro nel settore edile. Il protocollo è stato sottoscritto anche dal presidente dell’Ente Scuola edile Veronese, Luca Mantovani, e dal rappresentante dell’Agenzia Sociale Lavoro&Società, Mirko Tavella. Era presente: Fausto Sachetto, assessore alle Attività produttive e alla Formazione professionale. É intervenuto inoltre Marco Valdinoci, vicepresidente responsabile delle Attività istituzionali della Fondazione Cariverona.
L’accordo è il primo che la Provincia stipula per il settore edile e servirà a ricollocare 30 lavoratori che appartengono alle categorie svantaggiate. Il progetto è finanziato con il fondo di 1.720.000 erogato della Fondazione Cariverona e 460 mila euro della Provincia.
Si tratta di un a operazione per aiutare i lavoratori che non percepiscono alcun ammortizzatore sociale e che non dispongono, pertanto, di caratteristiche incentivanti all’assunzione. Le 30 persone seguiranno corsi di formazione organizzati dall’Ente Scuola edile Veronese e verranno accompagnati da una azione di tutoraggio da parte dell’Agenzia Lavoro&Società.
Per ogni lavoratore viene fatto un Piano di Azione dell’importo di 2.600 euro così impiegati: 1.000 euro totali in quattro mesi al lavoratore come sostegno al reddito, 1.000 euro all’azienda che si prende in carico il lavoratore e 600 all’Agenzia sociale per i costi di tutoraggio e accompagnamento al lavoro  La durata dell’accordo è di due anni.
Presidente Miozzi: “La Provincia di Verona ha sentito la necessità di un’azione forte rivolta al  settore edile, un’area della nostra economia alla quale ancora non avevamo prestato il sostegno   ma per la quale purtroppo permangono ancora segnali di crisi. La nostra attenzione per chi lavora in quest’ambito è forte, e credo che l’accordo che oggi sottoscriviamo costituisca una nuova e potente linfa per dare speranza ad alcuni lavoratori che versano in condizioni economiche e morali veramente svantaggiate e difficili. Un ringraziamento speciale va alla Fondazione Cariverona per il sostegno che continuamente riserva alle categorie svantaggiate di lavoratori, sviluppando con la Provincia una sinergia che sta dando importanti risultati”.
Assessore Sachetto: “Si tratta di un ulteriore tassello a un progetto iniziato nel 2009 con l’Agenzia Sociale. I 30 lavoratori verranno opportunamente segnalati e selezionati dall’Esev, e per loro è previsto un percorso formativo che li possa aiutare da molti punti di vista, compreso il supporto umano in un momento difficile della loro vita. Desidero infine ricordare il grande ruolo della Fondazione Cariverona, che è sempre in prima linea per dare una mano ai settori in difficoltà del nostro territorio”.
Luca Mantovani/Esev: “Oltre a voler dare lavoro a chi è in difficoltà, l’accordo punta molto sul miglioramento della qualità dei servizi nell’edilizia. Infatti, al termine del progetto, i 30 lavoratori avranno una adeguata formazione, in modo da poter andare incontro ad eventuali e concreti bisogni delle numerose aziende presenti nell’area veronese”.
Mirko Tavella/Agenzia sociale: “L’Agenzia Sociale crede fortemente nella buona riuscita di questa importante iniziativa. La disoccupazione odierna presenta risvolti di non facile e immediata soluzione, proprio per questo motivo l’accordo che sottoscriviamo oggi ha la speranza di aggiungere un segnale significativo in questa direzione”.
Marco Valdinoci/Fondazione Cariverona: “La Fondazione non è un organismo a parte rispetto al suo territorio. La Fondazione è del territorio e per il territorio. In questo momento il mondo dell’edilizia ha bisogno di un sostegno finanziario. Il denaro che investiamo serve per creare progetti concreti che servano da volano per la ripresa, e siamo convinti che questo lo sia”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *