Accordo Costa Crociere – Associazioni dei Consumatori. Le posizioni di Confconsumatori e UNC

//   27 gennaio 2012   // 0 Commenti

costa crociera1 300x200Un accordo senza precedenti“. “Ecco le nostre ragioni del rifiuto“. Di segno opposto le reazioni all‘accordo firmato ieri da Costa Crociere e le Associazioni dei Consumatori per il risarcimento dei passeggeri vittime del naufragio della Concordia. Entusiasta il commento di UNC, Unione Nazionale Consumatori.  “Un accordo senza precedenti per un importo complessivo di oltre 44 milioni di euro a beneficio di 3.206 passeggeri di 61 nazionalità –  le parole a caldo di Massimiliano Dona, Segretario generale UNC - Dopo una trattativa durata fino a notte fonda l’accordo con la compagnia di navigazione premia gli sforzi delle più importanti associazioni dei consumatori, unite nell’impegno comune che ha condotto ad una sottoscrizione storica anche per la portata mondiale di questa intesa”. “Il vantaggio per i consumatori danneggiati -prosegue l’avvocato Dona- è quello di avere immediatamente a disposizione un risarcimento di 11 mila euro in denaro, al quale devono sommarsi circa 3 mila euro di rimborsi, tra il costo della crociera e spese varie: si prevede infatti che il bonifico dovrà essere fatto entro una settimana dalla firma della quietanza”. “E’ bene inoltre chiarire che l’accordo non è obbligatorio”, precisa Massimiliano Dona, che aggiunge: “il turista che non si riterrà soddisfatto dell’importo concordato potrà rivolgersi ad altri percorsi e naturalmente sarà libero di ricorrere al giudice autonomamente; inoltre si è stabilito che i danni più gravi, come quelli riguardanti le lesioni fisiche, i deceduti e i dispersi, saranno oggetto di separata trattativa vista la delicatezza di queste situazioni”.
Di parere diametralmente opposto Confconsumatori, che spiega così le ragioni del suo rifiuto. “Non abbiamo sottoscritto l’accordo per tre ragioni – si legge nel comunicato stampa ufficiale -  l’impegno delle associazioni sottoscrittrici a non costituirsi parte civile; analogo impegno da parte dei passeggeri danneggiati; l’accettazione a saldo delle somme offerte, per la valutazione dell’equità/congruità delle quali Confconsumatori chiede il concorso di periti esperti. L’offerta pervenuta all’incontro di ieri, con la richiesta di sottoscrivere immediatamente l’accordo, per Confconsumatori dev’essere meglio ponderata, anche in relazione all’accertamento delle responsabilità da parte dell’autorità giudiziaria tutt’ora in corso”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *