A Roma sale a 16 il numero dei casi di Tbc, allarme epidemia?

//   26 agosto 2011   // 0 Commenti

ferruccio fazio1Sale ancora il numero dei bimbi positivi ai test della tubercolosi, dopo che il 18 agosto si è scoperto di un’infermiera che aveva contratto la malattia. Su 860 test svolti finora, sono 16 quelli risultati positivi. Ieri si sono registrati quattro nuovi casi, tre femminucce e un maschietto, nati tra marzo e aprile.
Per ora c’è una sola bambina che risulta malata di tbc: è una piccola di 5 mesi, che è ora ricoverata al Bambin Gesù. Sul suo caso, però, non c’è alcuna certezza che sia da collegare a quella dell’infermiera.
I controlli vengono effettuati sui piccoli nati tra marzo e luglio di quest’anno, in tre ospedali della Capitale: il Gemelli, il San Camillo e il Bambin Gesù.
“I bambini risultati positivi ai test non sono malati, né contagiosi”, si legge in una nota diramata dall’Unità di coordinamento che gestisce l’emergenza. Su di loro è già iniziata la profilassi sanitaria. Sono due i farmaci che possono essere somministrati ai piccoli: l’isionazide, una pasticca al giorno per sei mesi, o la rifampicina in sciroppo.
Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha invitato ad evitare allarmismi e ha dichiarato: “Stiamo seguendo con la massima attenzione la vicenda del Gemelli anche se non c’è nessun allarme”.
Sulla stessa lunghezza d’onda la presidente della regione Lazio, Renata Polverini: “Non c’è nessuna epidemia, nessun allarme. I neonati stanno bene e la situazione è assolutamente sotto controllo”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *