A novembre a Milano tra mostre e concerti

//   11 novembre 2018   // 0 Commenti

1-foto

Pinacoteca di Brera come oggetto avanzato 1 300x224

Pinacoteca di Brera

A Milano è un proliferare di mostre e concerti, tra la Settimana del Jazz e della Musica leggera, pop e rock con eventi spalmati in ogni dove. Ne segnalo alcuni:

Alle Gallerie d’Italia Piazza Scala e il Museo Poldi Pezzoli la mostra sul “Romanticismo”,  la prima mostra mai realizzata sul contributo italiano al movimento che ha cambiato, nel corso della prima metà dell’Ottocento, la sensibilità e l’immaginario del mondo occidentale. Le 200 opere esposte fino al 17 marzo 2019 (a cura di Fernando Mazzocca) documentano un periodo che va dai fermenti preromantici fino alle ultime espressioni di una cultura che, almeno nel nostro Paese, avrà termine con la realizzazione dell’Unità d’Italia e l’affermazione del Realismo, che del Romanticismo rappresenta l’antitesi. L’esposizione vuole celebrare l’identità e il valore del Romanticismo italiano, in rapporto a quanto si andava manifestando nel resto d’Europa – in particolare in Germania, nell’Impero austriaco, in Inghilterra e in Francia – tra il Congresso di Vienna e le rivoluzioni che nel 1848 sconvolsero il vecchio continente.

In mostra i dipinti dei maggiori interpreti della pittura romantica: Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Giovanni Carnovali detto Il Piccio, Massimo d’Azeglio, Giovanni Migliara, Angelo Inganni, Giuseppe e Carlo Canella, Ippolito Caffi, Salvatore Fergola, Giacinto Gigante, Pitloo, Domenico Girolamo Induno. Tra le sculture spiccano i lavori di tre straordinari maestri: Lorenzo Bartolini, Pietro Tenerani e Vincenzo Vela. Tra i grandi artisti di diversa nazionalità attivi in Italia, ecco Caspar David Friedrich, Franz Ludwig Catel, Jean-Baptiste Camille Corot, William Turner, Friedrich von Amerling, Ferdinand Georg Waldmüller, Karl Pavlovič Brjullov, che permettono di approfondire le relazioni intercorse tra il Romanticismo italiano e quello europeo. (www.gallerieditalia.comwww.museopoldipezzoli.org)

Marylin Monroe 1956 Erwitt Lewis come oggetto avanzato 1 300x224

Marylin Monroe (1956) by Erwitt Lewis in mostra a Pavia

Masha Sirago e Milano Cinema 300x224

Masha Sirago, scrittrice, immagini da "La rimpatriata" con Walter Chiari, regia di Damiano Damiani, alla mostra "Milano e il Cinema"

A Palazzo Reale una mostra dedicata a Carlo Carrà (1881 – 1966), dal 4 ottobre 2018 sino al 3 febbraio 2019, in esposizione circa 130 opere che ricostruiscono, nell’intento dei curatori Maria Cristina Bandera con la collaborazione di Luca Carrà, l’intero percorso artistico del maestro attraverso le sue opere più significative, dalle iniziali prove divisioniste, ai grandi capolavori che ne fanno uno dei maggiori esponenti e battistrada del futurismo e della metafisica, ai paesaggi e alle nature morte non senza dimenticare le grandi composizioni di figura, soprattutto degli anni trenta, il decennio a cui risalgono anche gli affreschi per il Palazzo di Giustizia di Milano, documentati in mostra dai grandi cartoni preparatori. (www.mostracarlocarra.it )

Alla Pinacoteca di Brera, “Attorno a Ingres e Hayez. Sguardi diversi sulle donne di metà Ottocento” (4 ottobre 2018- 20 gennaio 2019) vede un capolavoro della Pinacoteca, in questo caso l’opera di Francesco Hayez, “Ritratto di Teresa Manzoni Stampa Borri” a confronto con tre importanti opere ospiti che, raramente presentate in mostra, costituiscono differenti esempi di interpretazione del naturalismo:  il “Ritratto di Madame Gonse” di Jean-Auguste-Dominique Ingres del Musèe Ingres di Montauban, il “Ritratto di Selene Taccioli Ruga” di Francesco Hayez e il busto in gesso di Lorenzo Bartolini “Ritratto di Anna Maria Virginia Buoni Bartolini” entrambe provenienti da collezioni private. Al contempo, nei rinnovati spazi della Pinacoteca, si possono ammirare il “Ritratto di Giuditta Pasta” e “La derelitta” di Giuseppe Molteni, opere esemplari della maniera “mondana” di questo pittore milanese, che fin dal loro primo apparire alle rassegne braidensi dell’Ottocento furono apprezzate, o criticate, per il loro contrapporsi a quelle di Hayez. Dialogo a cura di Isabella Marelli, Fernando Mazzocca e Carlo Sisi. (www.pinacotecabrera.org)

Gallerie dItalia come oggetto avanzato 1 300x224

"Romanticismo" mostra alla Gallerie d'Italia

Tra la Scala, l’Auditorium e altri luoghi a Milano si dipana La musica di Kurtág in dialogo con il teatro di Beckett al Festival “Milano Musica”: http://www.mondoliberonline.it/la-musica-di-kurtag-in-dialogo-con-il-teatro-di-beckett-al-festival-milano-musica/79673/

La mostra alla Triennale racconta i 25 anni dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, e il 13,15 e 18 novembre in Auditorium verranno eseguite le Sei Sinfonie di Caikovskji in omaggio a Vladimir Delman, primo direttore dell’Orchestra, leggi “Festeggiamenti in Auditorium per i 25 anni dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi”: http://www.lideale.info/doAnteprimaConfTot.php?ArticleAn=2318#.W-G_lDncmdM

E se il 13 novembre è l’anniversario della morte di Rossini, lo ricordo con la mostra che il Museo Teatro alla Scala gli ha dedicato nei mesi scorsi, leggi «Gioachino Rossini (1792-1868) al Teatro alla Scala», mostra omaggio per i 150 anni dalla morte: http://www.mondoliberonline.it/gioachino-rossini-1792-1868-al-teatro-alla-scala-mostra-omaggio-per-i-150-anni-dalla-morte/77949/ , ma anche con la direzione del concerto che il Maestro Ennio Poggi ha dedicato al compositore pesarese lo scorso 4 agosto a Pavia, leggi Ennio Poggi, virtuoso del pianoforte e “Strada della mia vita” di Masha Sirago: http://www.mondoliberonline.it/ennio-poggi-virtuoso-del-pianoforte-e-strada-della-mia-vita-di-masha-sirago/77976

La musica Jazz si spalma su tutta la città, tra eventi e concerti, in varie sedi milanesi, leggi JazzMi, dall’1 al 13 novembre 2018: http://www.mondoliberonline.it/jazzmi-dall-1-al-13-novembre-2018/79539/e, nella settimana successiva, dal 19 al 25 novembre la seconda edizione della Milano Music Week, l’appuntamento per il mondo della musica italiana, tra varie iniziative, showcase, concerti, ecc. Tra i promotori: Comune di Milano, Siae, Fimi, Assomusica, Nuovoimaie (www.milanomusicweek.it)

Arriva al Teatro San Babila il Musical “Mambo, regia Giacomo Frassica, in scena dal 16 al 25 novembre, con ritmi latino americani, canzoni famose di varie epoche e ambientazione nel Sud Italia, con un omaggio a Sophia Loren, che lo aveva ballato nel film “Pane, amore e…” del 1955 (www.teatrosanbabilamilano.it)

Presso The Mall, dal 9 all’11 novembre, la seconda edizione di Grand Art. Modern & Contemporary Fine Art Fair”, con sessanta gallerie milanesi in esposizione, con presentazioni, incontri e talks (www.grandart.it)

Fino al 18 novembre la mostra “Arte liberata – Dal sequestro al museo. Storia di una collezione confiscata in Lombardia” . Sessantanove opere di autori italiani e stranieri del XX e XXI secolo, allestite nelle sale nobili di Palazzo Litta (corso Magenta 24), raccontano il percorso della collezione che, sottoposta a sequestro preventivo nell’ambito di un procedimento per gravi reati finanziari e passata alla gestione dell’Agenzia Nazionale, si presenta ora in forma di raccolta museale. Tra i nomi: Arp, Tobey, Penone, Calzolari, Paolini, Consagra (www.lombardia.beniculturali.it), a cura di Beatrice Bentivoglio-Ravasio. A corredo della mostra, catalogo di Scalpendi Editore (pag.96).

natura morta con cavallo giallo 1914 di Emile Nolde Mostra Espressionismo come oggetto avanzato 1 300x224

"Natura morta con cavallo giallo" (1914) di Emile Nolde, mostra Espressionismo a Parma

La mostra “Milano e il Cinema” a Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, via Sant’Andrea 6, indaga il rapporto tra il capoluogo lombardo e lo sviluppo dell’industria cinematografica, dalle prime sperimentazioni degli anni Dieci all’epoca d’oro degli anni Sessanta con artisti del calibro di Antonioni, Visconti, Tognazzi, Chiari – da Miracolo a Milano a Rocco e i suoi fratelli, da La Notte a Il posto a La rimpatriata si contarono a decine le produzioni che immortalarono le atmosfere cittadine e catturarono l’incanto e le contraddizioni di una metropoli che evolveva a ritmi vertiginosi; il tutto fino alle produzioni più recenti anni Novanta con la nascita di un genere-commedia tutto milanese. In mostra fotografie, manifesti, locandine, contributi video e memorabilia. (www.mostramilanoeilcinema.it). Leggi anche, a proposito del mio amico Walter Chiari, che mi soprannominò “Masha e Raddoppia”: www.lagazzettameridionale.com/2013/11/il-personaggio-masha-o-raddoppia.htmlhttp://www.mondoliberonline.it/a-walter-chiari-e-dedicato-il-sarchiapone-premio-e-rassegna-di-comici-emergenti-a-cervia/72058/ ).

Al Museo Diocesano Carlo Maria Martini “Paolo Veronese. L’Adorazione dei Re Magi” (30 ottobre 2018 – 20 gennaio 2019). “L’Adorazione dei Magi” di Paolo Veronese, è una tela di enormi dimensioni (320×234 cm), conservata nella chiesa di Santa Corona a Vicenza e arriva nel capoluogo lombardo per la prima volta.

La mostra “Sublime, ricette in #cibografica” presso la Fonderia Napoleonica Eugenia (Via G. Thaon di Revel, 21, Milano), sabato 10 novembre ad ingresso gratuito.  #cibografica, cioè l’illustrazione delle idee degli chef coinvolti (Filippo La Mantia, Viviana Varese, Giancarlo Morelli, Tano Simonato, Claudio Sadler, Daniel Canzian, Tommaso Arrigoni ecc.) da cui prendono forma i piatti scelti, preparati e raccontati dai quaranta grandi chef nelle cucine dei loro ristoranti.(www.sublimeblog.it)

Dal 27 ottobre al 25 febbraio 2019 Il Surrealismo in esposizione alla Fondazione Ferrero ad Alba, leggi: http://www.lideale.info/doAnteprimaConfTot.php?ArticleAn=2320#.W-L3-DncmdM

“Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini” a Novara 300x224

"Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini" a Novara

“Cascina Maria” ad Agrate Conturbia (NO) è un concept-space dedicato all’arte contemporaneo nelle sue più diverse declinazioni, residenza per artisti ma anche stanze tipo hotel che espongono opere d’arte e grande giardino per passeggiate con visione di sculture sparse qua e là, laddove la mostra “Light Works, 1968 to 2007” dell’artista americano Keith Sonnier è in esposizione alla Galleria Fumagalli ( 26 settembre – 19 dicembre 2018)

Al Castello di Novara la mostra “Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini” ( 20 ottobre 2018 – 24 febbraio 2019). L’esposizione presenta 80 opere tra dipinti e sculture, appartenenti a raccolte private, di grandi maestri italiani quali Giovanni Boldini (“Il pastello rosa”), Giuseppe De Nittis (“Hyde Park”), Giovanni Fattori, Carlo Fornara (“L’aquilone”), Domenico e Gerolamo Induno, Silvestro Lega, Angelo Morbelli (“Venduta!”) Giuseppe Pellizza da Volpedo, Giovanni Segantini, Federico Zandomeneghi. La rassegna testimonia l’importanza storica del fenomeno del collezionismo nello sviluppo delle arti in Italia, dall’Unità nazionale ai primi anni del Novecento.

A Chiasso la mostra “Auto che passione!Interazione fra grafica e design” (dal 7 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019). La rassegna analizza l’evoluzione dello stile nella storia dell’automobile, attraverso le grafiche pubblicitarie, disegni, cartoline, oggetti di design, realizzati da Jules Chéret a Marcello Dudovich, da Leopoldo Metlicoviz a Carlo Biscaretti di Ruffia, da Achille Mauzan a Plinio Codognato, da Marcello Nizzoli a Max Huber, da André Martin a Pierluigi Cerri.

Il percorso espositivo si arricchisce della sezione allestita, dal 7 ottobre al 9 dicembre 2018, nell’attiguo Spazio Officina, con dodici tra le più iconiche auto d’epoca, dalla Prinetti & Stucchi del 1899, alla Iso Rivolta Vision del 2017, dalla Bugatti T 35 del 1925 alla Pagani Huayra Coupé del 2016, dall’Alfa Romeo SS Villa d’Este del 1952 alla De Tomaso Pantera GTS del 1974, dalla Lancia Astura del 1933 alla Lamborghini 400 GT del 1966, dalla Ferrari 275 GTB del 1965 all’Alfa Romeo V6 Vittoria del 1995. (www.centroculturalechiasso.ch)

Cascina Maria come oggetto avanzato 1 300x224

“Cascina Maria” ad Agrate Conturbia (NO)

Al Palazzo del Governatore di Parma, dal 10 novembre 2018 al 24 febbraio 2019, la mostra “Dall’Espressionismo alla nuova oggettività. Avanguardie in Germania”.  L’esposizione, suddivisa in due sezioni, propone 40 opere dei maggiori rappresentanti di queste correnti culturali e artistiche, da Ernest Ludwig Kirchner a Emil Nolde, da Alexei Jawlensky ad August Macke, da Vassilj Kandinskij a Franz Marc, sviluppatesi in Germania nei primi del Novecento, provenienti dal Von der Heydt Museum di Wuppertal (Germania).

Il percorso espositivo prende avvio da una serie di capolavori provenienti dalla cerchia dei gruppi di artisti del “Die Brücke” (Il Ponte) a Dresda (quali Ernst Ludwig Kirchner, Erich Heckel, Otto Mueller, Emil Nolde, Karl Schmidt-Rottluff) e del “Der Blaue Reiter” (Il Cavaliere azzurro) a Monaco (tra cui Wassilj Kandinsky, Franz Marc, Alexej von Jawlensky, August Macke) e di “Der Sturm”, rivista d’arte berlinese (con autori quali Oskar Kokoschka, Max Beckmann, Carl Grossberg) prosegue negli anni del primo dopoguerra, che vedono sorgere una nuova visione estetica rappresentata dal movimento della Nuova oggettività. A cura di Lorand Hegyi e Gerhard Finckh. (www.espressionismoparma.it)

Alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia ( 13 ottobre 2018 al 24 gennaio 2019) la mostra Elliott Erwitt (Parigi, 1928), uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea, in occasione del suo novantesimo compleanno. Curata da Biba Giacchetti, la retrospettiva in occasione del novantesimo compleanno di Erwitt, raccoglie settanta dei suoi scatti più famosi iscritti nell’immaginario collettivo come vere e proprie icone; è il caso della lite tra Nixon e Kruschiev, dell’immagine di Jackie Kennedy durante il funerale del marito, del celebre incontro di pugilato tra Muhammad Alì e Joe Frazier, del fidanzamento di Grace Kelly con il principe Ranieri di Monaco ma anche i famosi ritratti del Che Guevara, di Marlene Dietrich, della serie dedicata a Marilyn Monroe (www.scuderiepavia.com). Erwitt è in mostra anche alla  Casa dei Carraresi a Treviso (22 settembre 2018-23 febbraio 2019, www.casadeicarraresi.it ) e nelle Sale dei Paggi della Reggia di Venaria Reale a Torino (27 settembre – 24 febbraio 2019, www.lavenaria.it ).

Tiffany “Animal academicum” by Masha Sirago: come raccontare grandi storie in un piccolo spazio, anche a Milanofil 2018!

Masha Sirago, ph © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com  – www.mashasirago.com -

 


Tags:

arte

cultura

Ennio Poggi

Gioacchino Rossini

Masha Sirago

milano


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *