L’”Arlecchino” di Strehler torna al Piccolo Teatro Grassi

//   20 maggio 2019   // 0 Commenti

1-arlecchino-servitore-di-due-padroni

Torna al Piccolo Teatro Grassi dal 23 maggio al 9 giugno 2019 l’Arlecchini, creato nel luglio del 1947 da Giorgio Strehler reinterpretando la tradizione goldoniana.

Arlecchino” ha avuto undici edizioni e tre grandi interpreti: Marcello Moretti, Ferruccio Soleri – che per questo ruolo è entrato nel Guinness dei primati – ed Enrico Bonavera, che dal 2000 è stato Brighella oltre a essersi sempre alternato con Soleri nel ruolo del titolo.2 Arlecchino © copyright Masha SiragoReportersAssociatiArchivi 300x224

Ho avuto il piacere di assistere all’edizione del 2014, leggi “Arlecchino servitore di due padroni” al Piccolo Teatro Grassi a Milano: http://www.mondoliberonline.it/arlecchino-servitore-di-due-padroni-al-piccolo-teatro-grassi-a-milano/37690/ e quella del 2017, leggi “Arlecchino” sempre uguale e sempre diverso, al Piccolo Teatro Grassi: http://www.mondoliberonline.it/arlecchino-sempre-uguale-e-sempre-diverso-al-piccolo-teatro-grassi/70819/ .

«Per Goldoni – diceva Strehler – Mondo e Teatro hanno costituito un’unità di intenti e di opere che rende le sue commedie un qualcosa di straordinario perché trasfigura il reale in una misura poetica dal carattere inimitabile, in un brivido lirico di amore. Così quello che un tempo è sembrato gioco, musica e divertimento oggi diventa misura di stile, testimonianza del tempo e del costume, ricerca e scoperta di un’umanità che vive i suoi drammi insieme al sorriso e alla tenerezza, in un alternarsi di luci e di ombre, di parole e di silenzio che sorprende chi pensa a un Goldoni rinchiuso nel suo cliché del comico e del ridicolo a tutti i costi». Ricordiamo che alla figura del grande regista teatrale triestino Giorgio Strehler è stata dedicata una mostra-laboratorio dal titolo “Strehler fra Goldoni e Mozart” (dicembre 2017- febbraio 2018), a vent’anni dalla sua scomparsa.

Alla figura di Giorgio Strehler (1921-1997) l’Associazione Amici della Scala ha dedicato il volume “Strehler e i suo scenografi”, a cura di Vittoria Crespi Morbio, per ripercorre la carriera di Strehler seguendone le produzioni al Teatro alla Scala, al Piccolo Teatro di Milano, in sedi internazionali quali Parigi, Vienna e Salisburgo. Il “taglio” del libro intende esaminare gli allestimenti attraverso la prospettiva degli scenografi che, di volta in volta, sono stati suoi collaboratori. Una fotografia (1964) di un attento Paolo Grassi in piedi e alle spalle di Giorgio Strehler seduto con un testo in mano documenta il loro proficuo rapporto professionale e di amicizia. (pag.18). Leggi anche “Giornata di Studi dedicata a Paolo Grassi (1919-1981)”: http://www.lideale.info/doAnteprimaConfTot.php?ArticleAn=2478#.XOJ43sgzbIV .

“Arlecchino servitore di due padroni” di Carlo Goldoni, regia Giorgio Strehler, messa in scena Ferruccio Soleri, con la collaborazione di Stefano de Luca. Scene: Ezio Frigerio, costumi Franca Squarciapino, luci Gerardo Modica, musiche Fiorenzo Carpi. Movimenti mimici di Marise Flach, scenografa collaboratrice Leila Fteita. Maschere Amleto e Donato Sartori. (www.piccoloteatro.org)

Masha Sirago, testo e ph © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.comwww.mashasirago.com

 

 

 


Tags:

Arlecchino

cultura

Enrico Bonavera

Ferruccio Soleri

Goldoni

Masha Sirago

Paolo Grassi

Piccolo Teatro

Strehler

teatro


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *