20 miliardi subito dalle Case di Tolleranza!

//   9 dicembre 2011   // 0 Commenti

case chiuse 300x223In Italia il peso per la cura dell’AIDS pesa per 500ml €. Se sommiamo a questa cifra le malattie virali come l’epatite C e le altre, abbiamo un carico sul SSN superiore a 500 ml €. Riaprire le Case di Tolleranza sarebbe un doveroso argine a quelle malattie che nel costo ricadono sulla collettività e quindi anche su di me e sulla mia solita birra. Sarebbe un atto di civilta’ e un levare di torno ipocrisie che servono solo alla bocca di molti. Leggo sempre distrattamente sul quotidiano che i Comuni non introitano circa 2 miliardi dal mancato gettito etc… Taglio corto perche’ ho fretta di godermi una birra in santa pace senza che l’altrui incapacita’ di risolvere i problemi mi dia fastidio. Propongo che il Min dello Sviluppo Economico faccia una bando di concorso per la concessione di 20000 case chiuse in tutta Italia, con possibilita’ di sottolicenze nella stessa citta’ da pagare sempre allo Stato, al costo di 1 milione per Licenza, cosi’ che lo Stato introiti subito 20 MILIARDI, con l’obbligo di rinnovo annuale della Licenza per 1 milione l’anno e delle sottolicenze sempre per ciascuna di 1 milione l’anno, Costo da detrarre dalle tasse in applicazione degli introiti della futura Casa di Tolleranza. Non voglio per decenza scendere nei dettagli produttivi, ma una licenza del genere non puo’ valere meno di 1 milione e quindi 20000 licenze per tutto il territorio nazionale sono 20 Miliardi Cash, per non parlare delle sottolicenze che costerebbero ciascuna 1 milione. Sono ardito? Non mi pare di essere irrealista. Il Sen. Monti e tutto il Governo dice che manca il tempo e le casse dello Stato hanno fretta di essere riempite. Bene! Non credo che chi veda l’affare di una bella casa di Tolleranza non abbia 1 milione d’Euro da mettere subito sul banco CASH per prendere subito la Licenza. Potrebbero esserci molti imprenditori- investitori stranieri capaci di arrivare subito in Italia: gli affari sono affari! O si preferisce la strada ipocrita del contributivo, dell’Ici, dell’aumento del gasolio? MetteteVi daccordo, perche’ ho fretta di decidere se lasciare o meno l’Italia, per andarmi a bere la mia birra senza essere infastidito, ripeto, dall’altrui incapacita’ di risolvere i problemi elementari.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *